Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alessio Maggia: «Cambiare per riprenderci i servizi che abbiamo perso»
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Alessio Maggia: «Cambiare per riprenderci i servizi che abbiamo perso»

Intervista al candidato sindaco di "Cambiamento per Valdilana": «La fusione? I cittadini sono rimasti a fare da spettatori»

Alessio Maggia: «”Cambiamento per Valdilana” per riprenderci i servizi che abbiamo perso».

Alessio Maggia: «Cambiare per riprenderci quello che abbiamo perso»

Alessio Maggia, 39 anni, è il candidato sindaco di “Cambiamento per Valdilana” che si presenta con un gruppo partito da zero. «Sono giorni che sento parlare di un confronto tra candidati a Valdilana. E’ una prospettiva interessante, soprattutto perché viene apparentemente proposta a favore della cittadinanza. La nostra lista è disponibile a confrontarsi con i cittadini per spiegare le nostre idee rispetto al nuovo Comune, senza nascondere le complessità di gestione ormai sempre più evidenti».

Cosa l’ha spinta a scendere in campo con una propria lista?

Nei due anni e mezzo da vice presidente provinciale ho potuto conoscere diverse realtà e amministrazioni del Biellese. Facendo il confronto con Trivero ho notato che c’erano Comuni che riuscivano a portare  a termine progetti e portare a casa risorse. Probabilmente c’è qualcosa da cambiare anche da noi. Avevo già dichiarato che comunque non avrei proseguito sulla stessa strada e da lì chiacchierando con un po’ di persone è nato questo progetto che è apolitico e  civico. Ho voluto raggruppare persone di tutto il territorio che credono nell’idea di rilanciare tante cose che sono state perse.

Come ha vissuto il progetto Valdilana?

In parte l’ho vissuto male. Sono stato sempre favorevole al progetto fusione, ma non al modo in cui è stata gestita. Il mio distacco con la vecchia amministrazione è partito anche da qui, Ho condiviso l’idea del Comune più grande anche per contare di più sul territorio. Non ho accettato il metodo su come è stato portato avanti. E’ stata una scelta di pochi e non condivisa. Andava fatta in modo diverso a partire dal nome. I cittadini sono stati coinvolti solo al referendum  e l’affluenza non è stata di certo stellare. Inoltre si è sempre parlato dei benefici, ma un fusione prevede anche diversi ostacoli da affrontare.

Valdilana è realtà. Cosa c’è da fare?

L’obiettivo è rispettare le quattro realtà presenti. Analizzando tutte le mancanze di questi anni e scopriamo che c’è molto da fare. Siamo in una realtà che va costruita da zero. Un amministratore per prima cosa deve aprire i libri contabili e capire la situazione. Sicuramente il nostro impegno è per recuperare i servizi che sono andati persi, penso solo il discorso sanitario. Un capitolo importante del nostro programma elettorale è rappresentato poi dal recupero dell’ambiente, dalla pulizia del verde fino alla manutenzione delle strade Abbiamo inserito venti punti che ci impegniamo a realizzare.

Come è nata la nuova lista?

Abbiamo cercato persone che avessero voglia di impegnarsi sul territorio in modo di  andare a coprire tutto Valdilana. Sono contento perchè siamo riusciti a trovare persone che hanno esperienza amministrativa e che per motivi lavorativi o per passione hanno la possibilità di aiutarci e far nascere questo nuovo Comune. Abbiamo davvero tante competenze in ambiti diversi e soprattutto siamo un gruppo con voglia di cambiare le cose.

LEGGI ANCHE L’INTERVISTA A MARIO CARLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente