Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alunni Varallo ospitati in oratorio causa lavori
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Alunni Varallo ospitati in oratorio causa lavori

Nelle scuole è stato realizzato un progetto di messa in sicurezza dei soffitti di aule, corridoi e saloni

alunni varallo

Alunni Varallo “in trasferta” in attesa della fine dei lavori dentro la scuola.

Alunni Varallo “fuori sede”

Alcuni studenti di Varallo hanno momentaneamente “traslocato” per permettere di realizzare i lavori nella scuola di piazza Ferrari, a Varallo. Gli interventi, che rientrano nel progetto di messa in sicurezza dei soffitti di aule, corridoi e saloni, hanno interessato in un primo momento l’ala che ospita la scuola primaria per poi spostarsi nell’attigua che accoglie i bambini più piccoli della scuola dell’infanzia. «Un intervento necessario per la messa a norma degli ambienti – spiega l’assessore comunale Pamela Negri, responsabile di scuola e politiche giovanili – ma che inevitabilmente ha creato qualche disagio che abbiamo cercato di limitare il più possibile spostando gli alunni nei vari ambienti della scuola a seconda di dove si svolgeva il cantiere. E’ stato però inevitabile nel mese di gennaio trasferire momentaneamente tre classi nei locali del Centro giovanile di Sottoriva».

In oratorio

A usufruire degli spazi dell’oratorio «dal 7 gennaio al 4 febbraio le seconde A e C e la quinta C – spiega l’insegnante Liviana Righes -. E’ stata una bella esperienza e per questo ringraziamo in particolare don Graziano Galbiati, responsabile dell’oratorio, che si è reso molto disponibile anche a soddisfare ogni nostra esigenza, mettendoci a disposizione non solo i locali ma anche materiale e fotocopiatrice, il campo sportivo dove i bambini hanno potuto giocare dopo pranzo prima della ripresa delle lezioni, e il salone con tutti i giochi durante l’intervallo. Ci siamo sentiti accolti e benvoluti: don Graziano passava spesso a salutare e ad accertarsi che tutto andasse bene. I bambini stanno ora realizzando dei cartelloni per dirgli grazie in modo tangibile». Durante le tre settimane di permanenza a Sottoriva gli alunni hanno avuto comunque come base sempre la scuola primaria di piazza Ferrari, da dove ogni mattina partivano, accompagnati dai vigili urbani, per raggiungere l’oratorio e fare lezione, e da dove poi ripartivano nel pomeriggio per fare ritorno nel plesso scolastico per l’uscita insieme a tutti gli altri compagni.

Il ritorno alla normalità

I bambini sono rientrati nelle loro classi martedì scorso dopo la conclusione dei lavori anche al primo piano delle scuole elementari. «Ringraziamo il prevosto don Roberto Collarini – sottolinea Negri – per averci concesso l’uso dei locali del Centro giovanile, sia le aule che l’area dove poter pranzare dal momento che anche il servizio mensa per gli alunni delle tre classi si è svolto all’oratorio. Un sentito grazie anche al vice parroco don Graziano per la grande disponibilità e le famiglie dei bambini per esserci venute incontro. Sono dispiaciuta per il disagio, ma non c’erano altre soluzioni per velocizzare i lavori». Ora il cantiere sta interessando l’altra ala dell’edificio scolastico, quella che ospita gli alunni dell’infanzia. «In questo caso le attività proseguono regolarmente nell’edificio – precisa l’assessore -: vengono utilizzati gli spazi a rotazione a seconda di dove si svolgono i lavori».

Alcuni arredi della scuola dell’infanzia sono stati donati da una famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente