Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Andrea Castaldi: due gialli con l’ispettore Scarlatti
Attualità Borgosesia e dintorni -

Andrea Castaldi: due gialli con l’ispettore Scarlatti

“La Sposa” e “Il bosco” sono due romanzi dell'autore di Borgosesia

andrea castaldi

Andrea Castaldi ha raccolto due libri in un unico volume: protagonista l’ispettore Scarlatti.

Andrea Castaldi e l’ispettore

“Finché morte non ci separi. Le prime indagini dell’ispettore Scarlatti”: questo il titolo dell’ultimo libro firmato dal borgosesiano Andrea Castaldi. Il volume raccoglie due romanzi gialli intitolati “La Sposa” e “Il bosco”. «Avevo già pubblicato le prime indagini di Scarlatti attraverso ebook – spiega l’autore -, ora la casa editrice Buendia Book ha pensato di riproporre le due opere in un unico libro, con delle revisioni». Due crimini da risolvere, due situazioni particolarmente oscure nell’intricato rapporto fra coniugi, per l’ispettore Scarlatti, nato dalla penna di Castaldi. Insomma, una trama decisamente noir che riesce a tenere con il fiato sospeso il lettore fino all’ultima pagina: «Ho sempre amato i gialli e ne ho letti molti – racconta Castaldi -. Ho scelto di cimentarmi con questo genere perché oltre ad interessarmi credo abbia una struttura nel complesso semplice. Però non credo che le mie pagine possano essere l’eco di un modello particolare».

Il ruolo della musica

Uno dei fili ricorrenti che emerge in “Finché morte non ci separi” è la musica: «Ci sono degli accenni a opere musicali che i protagonisti ascoltano mentre si trovano in particolari situazioni o la citazione di un classico che Scarlatti ha come suoneria del cellulare – evidenzia lo scrittore -, ma pian piano però, a eccezione del primo racconto, la musica scompare».  “Finché morte non ci separi” non è la prima fatica letteraria del valsesiano. Vincendo il premio “Giallo Garda” nel 2016 ha visto la pubblicazione di “Glasgow Smile”, che ripropone come protagonista Scarlatti, ormai ex ispettore. Nei mesi scorsi ha anche pubblicato il racconto breve “Chiaro di Luna”. E ora Castaldi ha già in cantiere altri progetti editoriali: «Ho pressoché concluso la stesura di altre pagine che proseguono le vicende dell’ispettore Scarlatti – anticipa l’autore -, poi ho iniziato a scrivere dei racconti “neri” che diventano difficili da racchiudere in un genere specifico: c’è sicuramente del giallo, ma anche un pizzico di fantasia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente