Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia passaggio pedonale in 3D a Montrigone
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia passaggio pedonale in 3D a Montrigone

Da qualche giorno il nuovo esperimento, che ha il compito di far rallentare le auto. L’amministrazione: «Se sortirà l'effetto sperato l'idea è di applicare la tecnica in altri punti critici».

Borgosesia passaggio pedonale in 3D in via Montrigone. Al momento è una prova: se darà gli effetti sperati l’intenzione dell’amministrazione comunale è di ampliarla anche in altre strade trafficate.

Borgosesia passaggio pedonale in 3D

«In via Montrigone esiste un problema legato alla velocità – evidenzia l’assessore comunale ai lavori pubblici Fabrizio Bonaccio -, abbiamo ricevuto decine di segnalazioni in merito, confermate dalle verifiche. In quel punto si sono anche verificati due investimenti di pedoni che attraversavano. La soluzione del passaggio pedonale rialzato comporta molti effetti negativi, e pure è difficile intervenire con autovelox. Si è deciso di provare con questa soluzione: ci siamo affidati a un’azienda specializzata nel settore della viabilità, e ora testeremo l’efficacia. Inoltre, l’attraversamento è corredato da un’illuminazione a led laterale per gli orari notturni».

Fase sperimentale

Se i riscontri saranno positivi, il passaggio pedonale in 3D potrebbe essere esteso: «E’ una sperimentazione – conferma l’assessore -, se sortirà l’effetto sperato l’idea è di applicare la stessa tecnica in altri punti critici della rete stradale cittadina, come viale Varallo e corso Vercelli». In città si è già innescato il dibattito, tra chi trova sia una buona soluzione e chi ha già bocciato l’attraversamento tridimensionale. «E’ una soluzione adottata in diverse città italiane e straniere – commenta il sindaco Paolo Tiramani -, e queste strisce si sono dimostrate molto efficaci, ottenendo un generale rallentamento del traffico e garantendo sicurezza ai pedoni. Siamo convinti possa accadere anche per Borgosesia e, dopo i primi giorni, pare che funzioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente