Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Bravi ragazzi a Gattinara: sette volontari ripuliscono la città
Attualità Gattinara e Vercellese -

Bravi ragazzi a Gattinara: sette volontari ripuliscono la città

Si sono presentati dal sindaco Daniele Baglione chiedendo di fare del volontariato

Bravi ragazzi a Gattinara: sette volontari ripuliscono la città.  Tanti sono i ragazzini, tra i 15 e i 16 anni che nei giorni scorsi hanno bussato alla porta del sindaco di Gattinara, Daniele Baglione chiedendo di rendersi utili per la città.

Bravi ragazzi a Gattinara: sette volontari ripuliscono la città

Detto, fatto: “Ay piti voluntary”, così sono stati subito ribattezzati, sono già in giro per Gattinara e stanno ripulendo la città dalle varie schifezze gettate a terra. Un’occupazione non certo infruttuosa purtroppo: martedì hanno raccolto qualcosa come dieci sacchi di immondizia solo nella zona del lavatoio. I sette, che nella vita sono un gruppo di amici, hanno appena sostenuto l’esame di terza media; così, per passare l’estate in attesa dell’inizio del prossimo anno scolastico, anziché stare con le mani in mano, o meglio sul cellulare, hanno deciso di rimboccarsi le maniche per la loro città. «Sono un esempio per i loro coetanei – comenta Baglione -. E sono particolarmente soddisfatto che questo gesto arrivi da giovani gattinaresi. Li conosco da quando avevano otto anni; è vero qualcuno di loro è stato un po’ birichino, ma ora stanno dimostrando un gran senso civico. E’ un modo per valorizzarli e farli crescere con i giusti valori».

LEGGI ANCHE Papà volontari per sistemare l’oratorio a Cavallirio

Lavoretti

Nell’attività è stata coinvolta anche la Pro loco, mentre il Comune ha provveduto a dotare i giovani volontari di tesserino, di una maglietta che funge da divisa e di guanti. Il loro compito è quello di segnalare i punti invasi dalla spazzatura e armati di sacchi, possibilmente, di raccoglierla; ovviamente quello che è trasportabile, mentre per rifiuti particolari o ingombranti, come sempre, intervengono gli operatori del Comune.
«Abbiamo intenzione di coinvolgerli anche in altri progetti di volontariato – conclude il sindaco – magari legati alla Festa dell’Uva». Per ora i “piti voluntary” sono solo maschietti, ma ovviamente possono aggiungersi anche le ragazzine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente