Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Buche Ponzone: segnalazioni inutili se poi non si interviene
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Buche Ponzone: segnalazioni inutili se poi non si interviene

Un incidente evitabile quello della scorsa settimana a Ponzone, a detta di Claudio Camatel.

Buche Ponzone: segnalazioni inutili se poi non si interviene. Un incidente evitabile quello della scorsa settimana a Ponzone quando un’auto prese in pieno un buco sulla strada provinciale di Ponzone. A spiegarlo è Claudio Camatel.

Buche Ponzone: segnalazioni inutili se poi non si interviene

«Quella buca l’ho schivata per un non nulla – racconta in una lettera -. Quella sera erano le 17.45, dovevo andare a Torino e sul momento non ho realizzato di chiamare il soccorso per segnalare visibilmente la buca, purtroppo all’arrivo a Torino vengo a sapere da mio figlio che mi seguiva che un suo amico che doveva raggiungerci a Torino ha preso la buca in pieno e ha danneggiato la ruota anteriore e posteriore, così da dover sostituire la vettura per raggiungerci. Allora ho iniziato a chiamare i vigili del distaccamento di Ponzone di modo che andassero a segnalare la buca».

Chiamate al 112

Dopo diverse chiamate a vigili del fuoco e polizia municipale si è rivolto al 112. «Mi è stato detto che avrebbero avvisato la Provincia – spiega -, da quel momento ero più tranquillo immaginando che venisse segnalato per evitare ulteriori incidenti, ma così non è stato. Al mattino apprendo dell’incidente avvenuto la notte, Questo mi fa pensare che pur segnalando tutto quello che può creare problemi a volte gravi, non venga considerato, c’è un menefreghismo totale, a tutti quelli che hanno ricevuto la mia chiamata un po’ di responsabilità nel dire, forse se avessi fatto le cose fino in fondo, avrei evitato ulteriori danni. Le chiamate che ho fatto al 112 sono state registrate, come dicono appena si chiama il numero unico di emergenza, se così si può dire». Nel frattempo la voragine che si era formata è stata coperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente