Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Cane travolto da decine di auto: scena straziante a Roasio
Attualità Gattinara e Vercellese -

Cane travolto da decine di auto: scena straziante a Roasio

Il racconto della padrona che ha assistito alla scena lungo la provinciale.

Cane travolto da decine di auto: una scena straziante a cui ha assistito la padrona dell’animale.  «Nessuna pietà per il mio piccolo Ash».

Cane travolto da decine di auto lungo la provinciale a Roasio

«Nessun rispetto per gli animali. Il mio cane è finito in strada e me l’hanno maciullato. Nessuna auto ha pensato di rallentare o fermarsi». E’ lo straziante racconto di una donna residente sulla strada provinciale che collega Roasio a Brusnengo, una delle arterie più trafficate tra Biellese e Valsesia. «Avevamo un pincher e un border collie che sono sempre stati nel giardino – spiega la proprietaria -. Lunedì scorso il pincher è riuscito ad uscire dal cancello andando in strada dove è stato investito. Non ci siamo accorti di nulla finchè siamo stati avvisati da un vicino che lo ha riconosciuto».

Le auto continuavano a passare sopra l’animale

E i proprietari davanti si sono visti uno spettacolo straziante: «Era lì a terra e le auto continuavano a passarci sopra come se nulla fosse, con una totale indifferenza che fa rabbrividire». Solo quando i proprietari si sono messi praticamente in mezzo alla strada le vetture hanno iniziato a rallentare, ma ormai per il piccolo “Ash” non c’era più nulla da fare. «Non rimaneva più nulla – spiega -. era assolutamente dilaniato. I bambini sono rimasti choccati e non sono andati neppure a scuola. Quello che non capisco è l’assoluta mancanza di rispetto». In tema di cani investiti, l’episodio riporta alla memoria l’animale trovato morto fuori Gattinara nel mese di aprile, con un foro in testa: tutti ritennero che il cane era stato ucciso con un colpo di pistola alla testa, ma ulteriori indagini si conclusero con una relazione che parlava di investimento. Una versione che però non ha convinto i testimoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente