Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Carnevale Borgosesia, edizione da incorniciare: parla Canuto
Attualità Borgosesia e dintorni -

Carnevale Borgosesia, edizione da incorniciare: parla Canuto

Il presidente del comitato traccia il bilancio della manifestazione

carnevale borgosesia

Carnevale Borgosesia: quella del 2019 sarà un’edizione da ricordare.

Carnevale Borgosesia il commento

Segno positivo sul bilancio del Carnevale 2019 per il presidente del comitato. «E’ stata un’edizione da incorniciare. Ottimi i carri e le mascherate, grande la partecipazione della gente e più che positiva la collaborazione con gli esercizi cittadini». A distanza di dieci giorni dalla chiusura del carnevale 2019, per il presidente del comitato Marco Canuto è il momento di tirare le somme: «Non potevamo sperare nulla di meglio – è il suo commento -. Come gli scorsi anni, anche questa volta ci siamo resi conto che fondamentale è la collaborazione tra tutti coloro che, per motivi professionali o per altre ragioni, operano in città e soprattutto in piazza. Un merito va ai negozianti, alle scuole, alle forze dell’ordine e ai volontari che hanno permesso di proporre le sfilate senza avere avuto mai alcun disagio».

Le scuole

Molto positiva la collaborazione con gli istituti scolastici cittadini: «Le lezioni di cartapesta che proponiamo alle scuole primarie fanno ormai parte della nostra tradizione, e già ci hanno chiesto se saranno riproposte anche per la prossima edizione del carnevale – evidenzia Canuto -. Positivo anche il percorso che sta crescendo con l’Ipsia “Magni”: è stato emozionante vedere un abito da damigella realizzato perfettamente dalle studentesse del corso moda». In piazza i protagonisti sono stati i carri allegorici e le mascherare realizzate dai comitati rionali: «Le opere sono state notevoli, e la gente se n’è accorta – sottolinea -: per tute le tre sfilate sono arrivate a Borgosesia migliaia di persone. C’è stata grande affluenza anche agli appuntamenti proposti in Pro loco».

Meteo favorevole

A favorire lo svolgersi di tutti gli eventi, soprattutto le tre sfilate allegoriche, è stato il clima a tratti primaverile: «Il tempo è sempre la nostra principale incertezza – prosegue Canuto -, non possiamo sapere se ci sarà il sole o se pioverà, possiamo solo sperare in un tempo clemente. E questa volta ci è andata proprio bene, siamo stati veramente fortunati perché il bel tempo ci ha favoriti. L’unica giornata in parte gustata è stata quella del Mercu Scurot, fortunatamente soltanto alla sera: a causa della pioggia abbiamo dovuto limitare i fuochi d’artificio. Ciò nonostante è stato un ottimo Mercu Scurot con circa tremila cilindrati in giro per la città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente