Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola rio Cavallero come una piccola Fiuggi
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola rio Cavallero come una piccola Fiuggi

Dalle analisi fatte a inizio del secolo scorso il Cavallero avrebbe potuto diventare un vero e proprio centro termale

Coggiola rio Cavallero come una piccola Fiuggi. A sostenerlo sono gli storici documenti del 1900 quando diversi studiosi salirono fino al santuario valsesserino riscontrando di fatto le stesse proprietà benefiche delle acque di Fiuggi.

Coggiola rio Cavallero come una piccola Fiuggi

Era stato il cavaliere Romegalli, docente di chimica a Roma, a inizio del 1900 a paragonare le acque del rio Cavallero a quelle di Fiuggi. Dell’argomento si interessò anche l’allora farmacista di Coggiola, il dottor Pratta che nel 1924 scrisse: «Tali acque contengono disciolte una quantità di sali che è molto inferiore alla quantità contenuta nelle altre acque naturali. Per cui non solo è possibile ingerire grandi quantità di acqua senza risentire disturbi di pesantezza allo stomaco, ma la stessa quantità di liquido diventa il miglior solvente di tutti quei reliquati che le forme morbose lasciano in deposito nell’apparato digerente del corpo umano».

“Saluti dalla nuova Fiuggi”

Sempre il dottor Pratta già all’epoca aveva ipotizzato di realizzare una nuova Fiuggi, tanto che in qualche foto dell’epoca si legge come dedica “Saluti dalla nuova Fiuggi”. «Il letto del torrente Cavallero e il defluire delle sue acque consentono le forme più indicate di bagni terapeutici, senza preparazioni o impianti artificiali preventivi, e senza pericoli di sorta. Ha provveduto con maestria la natura». Insomma il Cavallero avrebbe potuto diventare un vero e proprio centro termale e non solo di svago per gli amanti del fiume.

Un Commento

  • Graziano Faiola ha detto:

    Le zone del Rio Cavallero sono veramente stupende e le sue acque buonissime e leggerissime. Sono stato da poco e sembra di essere in paradiso. Spero che si conservi così per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente