Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Crevacuore officina delle biciclette nell’ex peso pubblico
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Crevacuore officina delle biciclette nell’ex peso pubblico

Finanziato un progetto proposto dai gestori della “Locanda dei mercanti”: un servizio gratuito per bikers e turisti

Crevacuore officina delle biciclette nell’ex peso pubblico. Una nuova idea proposta dai titolari della “Locanda dei mercanti” che hanno preso in gestione i locali dell’ex ristorante Corea.

Crevacuore officina delle biciclette

«Stiamo iniziando la ristrutturazione del vecchio peso pubblico di Crevacuore – annuncia Monika Crha, attuale gestore della locanda -. La ristrutturazione verrà eseguita da Gianpaolo Formaio della ditta “Faso tuto mi”». In questo modo un pezzo storico del paese prenderà nuova vita: «L’ex peso pubblico è situato a fianco della chiesa di Santa Marta e San Sebastiano, di proprietà comunale e da noi affittato, dopo la ristrutturazione sarà un’officina delle biciclette». L’idea è stata realizzata prendendo parte a un bando pubblico, come spiega Crha: «Abbiamo partecipato a un bando per il turismo presentandoci con una proposta che comprendesse l’officina e l’acquisto di biciclette che verranno messe a disposizione degli ospiti e degli avventori della locanda. L’officina può essere utilizzata da tutti coloro che ne hanno bisogno, gratuitamente».

Fondi

Il progetto ha ottenuto i fondi da FinPiemonte, una rete per lo sviluppo che eroga vari tipi di finanziamenti promuovendo soprattutto l’impresa e il turismo. «Con questa iniziativa – osserva ancora l’albergatrice – si intende creare un incentivo per visitare la valle e ovviamente fare sport. Verranno avvisati gli uffici turistici e tutti gli enti che si occupano di ciclismo professionale e cicloturismo. E’ un progetto al quale teniamo molto anche per i giovani che possono avere un incentivo ad approfittare della bella stagione per fare sport. Si preannuncia un’estate intensa e piena di eventi culturali, musicali e via dicendo. Ci diamo da fare, insomma».

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente