Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Doppio intervento a cuore fermo, salve mamma e neonata
Attualità Fuori zona -

Doppio intervento a cuore fermo, salve mamma e neonata

Ieri per la prima volta la giovane di 30 anni ha potuto abbracciare la figlia all'ospedale di Alessandria.

Doppia operazione a cuore fermo, salve mamma e neonata. Intervento particolarmente complesso eseguito all’ospedale di Alessandria.

Doppia operazione a cuore fermo, salve mamma e neonata

La storia che sta facendo commuovere in molti è raccontata dallo stesso nosocomio. Sul sito della struttura ospedaliera è spiegato l’intervento. “Lacrime di commozione hanno rigato i volti del team multidisciplinare che ha eseguito un intervento che ha salvato la vita ad una mamma e alla sua bambina neonata lo scorso 11 aprile. Una giovane  di trent’anni alla trentaquattresima settimana, giunta in Ospedale per una sincope, è stata operata contemporaneamente dallo staff di Cardiochirurgia mentre l’equipe dell’Ostetricia ha eseguito il cesareo per far nascere la bambina”. Una bella storia per la mamma, che è uscita dalla Terapia Intensiva e ieri, venerdì 19 aprile, ha potuto abbracciare la figlia per la prima volta.

L’intervento

“Alla paziente è stata eseguita una doppia incisione, sia toracica che addominale, quando tutto era pronto su entrambi i versanti si è proceduto al taglio cesareo e contemporaneamente all’estrazione del feto si è proceduto a fermare il cuore, per poi procedere in maniera simultanea sulla tromboembolia e all’espulsione della placenta oltre che alla risutura dell’utero – fa sapere l’ospedale -. Nel veder nascere in condizioni sane la bambina prematura, l’intera sala si è commossa davanti a questa nuova vita. Questo tipo di intervento eseguito nell’Azienda Ospedaliera di Alessandria è molto raro: l’ottima riuscita di un’operazione così complessa è stata quindi possibile solo grazie al lavoro in team multidisciplinare con cui i professionisti hanno saputo e potuto affrontare la situazione estremamente grave e critica”.

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente