Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ermanna Curti: per 22 volte da Serravalle a Lourdes
Attualità Serravalle e Grignasco -

Ermanna Curti: per 22 volte da Serravalle a Lourdes

Una donna che dopo essere andata in pensione si è dedicata al volontariato quasi a tempo pieno

Ermanna Curti: per 22 volte da Serravalle a Lourdes. Prima faceva l’accompagnatrice, ora ci va come ammalata. Sta di fatto che, come volontaria o come ospite della casa di riposo di Serravalle, Ermanna Curti è ormai diventata una presenza fissa tra la più durature al pellegrinaggio diocesano.

Ermanna Curti: per 22 volte da Serravalle a Lourdes

La serravallese ha festeggiato di recente i suoi 90 anni, essendo nata il 12 luglio 1928 a Cressa. Una vita di lavoro che poi, dopo la pensione, è stata caratterizzata dall’impegno sociale. lo racconta Piera Mazzone, direttrice della biblioteca di Varallo, che conosce bene la famiglia: «Giovanissima, Ermanna imparò il mestiere di sarta dalla Santina, la moglie di Maurilio Mazzone, poi si impiegò alla Manifattura Lane di Borgosesia, che le garantiva un lavoro sicuro e la pensione. Dopo la pensione cominciò ad occuparsi di volontariato sociale: settimanalmente con altre signore si recava in casa di riposo a Serravalle per cucire gli abiti degli ospiti e rammendare; e cominciò ad aiutare don Rino Ferraro nella parrocchia di Vintebbio e poi proseguì con don Pietro Lupo. Seguì da vicino i lavori di restauro all’antica pieve di Santa Maria di Naula e si dedicò corpo e anima a questa chiesa, poco distante da casa sua, occupandosi di mantenerla pulita e in ordine e con l’altare sempre fiorito di fresco. Il termine “fabbricera” la faceva sorridere: il suo era un servizio fatto con il cuore ed era normale vederla “sfrecciare” sulla sua Panda verde».

La fede

Via via che gli anni passavano, la donna dovette affrontare non pochi problemi di salute: ma la fede l’ha sempre aiutata a superare i momenti difficili della vita, i molti interventi chirurgici alle ossa (ginocchio, anca, piedi), e ad accettare la malattia che l’ha costretta nel dicembre 2007 ad andare in casa di riposo. Avendo perso la stabilità delle gambe è costretta ad utilizzare una carrozzina, ma questo non la limita nelle sue quotidiane occupazioni: continua a rendersi utile cucendo e rammendando per gli ospiti, utilizzando una macchina da cucire elettrica: anche nella ristrutturazione in corso della Casa è prevista una piccola stanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente