Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Festa della donna: al parco Vinzio di Grignasco non si può
Attualità Novarese -

Festa della donna: al parco Vinzio di Grignasco non si può

«Stiamo facendo alcuni lavori nella struttura»

Festa della donna: causa lavori in corso al parco Vinzio non si può

Festa della donna: al parco Vinzio quest’anno non si può

Al parco Vinzio di Grignasco quest’anno non verrà proposta la festa della donna. La manifestazione subisce uno stop temporaneo. Gli organizzatori hanno dovuto rinunciare all’evento per una serie di motivi di carattere tecnico. «Purtroppo abbiamo dovuto sospendere l’appuntamento perché stiamo facendo alcuni lavori nella struttura – spiega Silvano Ragazzi, referente del Comitato del Parco Vinzio -. Si tratta di interventi che riguardano la cucina ma non solo».
Le opere manutentive sono molteplici. «Innanzitutto c’è l’intervento al locale cucina. L’opera consiste nell’isolamento  della struttura in ferro della cucina con del cartongesso – prosegue Ragazzi -. Di fatto non sostituiremo nulla degli arredi o fornelli, ma dovremo isolare ciò che è in ferro per evitare rischi di fumi e incendi. Stiamo seguendo le normative dettate dai vigili del fuoco per garantire la sicurezza della struttura».

Il piano dei lavori

Oltre ai locali dove si cucina in occasione delle manifestazioni verranno portati avanti altri lavori. «Rifacciamo anche i bagni e la lavanderia – prosegue il referente -, basandoci su quanto stabilisce l’Asl. Si tratta nel complesso di un lavoro impegnativo ma siamo comunque tranquilli dal punto di vista delle risorse economiche. Ci vorrà solo qualche tempo per terminare tutti gli interventi». Per adesso è difficile stabilire quando la struttura potrà tornare ad accogliere avventori ed essere sede di manifestazioni. «Puntiamo a finire tutto per il prossimo aprile, massimo maggio – dichiara il portavoce del Comitato del Parco -. Vorremmo ospitare i festeggiamenti in occasione della ricorrenza del 25 aprile, ma se non riusciremo a concludere tutto per quella data, speriamo di essere almeno pronti per il prossimo Primo maggio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente