Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Fratelli d’Italia, no ai migranti ospitati nei municipi
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Fratelli d’Italia, no ai migranti ospitati nei municipi

Critiche rivolte a Pray e Coggiola

Fratelli d’Italia contesta i sindaci della Valsessera che accolgono migranti nei municipi.

Frtelli d’Italia apre a Coggiola

Venerdi 29 giugno alle ore 19 si e svolta a Coggiola l’inaugurazione della sede del circolo Valsessera di Fratelli d’Italia, in Piazza Sella 8. Sono intervenuti il segretario del circolo, Giuseppe Moroni, il segretario provinciale, Davide Zappala, e il deputato Andrea Delmastro.
Nel ringraziare i numerosi presenti, Giuseppe Moroni ha affermato: “Sono orgoglioso di
fondare questo circolo e mi auguro che questa sede diventi polo attrattivo per chi, come me, crede
ancora nella possibilita di rilanciare la Valsessera e voglia contribuire ad una rinascita del
territorio”. Davide Zappala: “Mentre gli altri partiti chiudono le sedi, Fratelli d’Italia dimostra il suo
dinamismo aprendo un circolo anche in uno dei territori piu periferici della Provincia”. Andrea Delmastro: “Coggiola un tempo era uno dei piu importanti poli industriali del Biellese, una terra di grandi lavoratori il cui esempio ha molto da insegnare a chi, oggi, vuole introdurre il reddito di cittadinanza, strumento con cui si vuole calpestare la dignita del lavoro, in un tentativo di assuefare i cittadini ad uno stato di continua disoccupazione. A Coggiola, inoltre, attraverso il lavoro si e raggiunta l’integrazione tra chi arrivava in Italia, nel Biellese, per fare l’operaio nelle nostre fabbriche e contribuire alla creazione della ricchezza del nostro territorio, ben diversamente da quanto e accaduto con l’invasione migratoria degli ultimi anni, che ha visto arrivare in maggioranza migranti economici pronti a pesare ingiustamente sulle casse dello Stato, a detrimento dei cittadini italiani e anche di quelli stranieri dotati di un regolare permesso di soggiorno”.

Criticghe ai sindaci

Ha aggiunto: “Addirittura alcuni sindaci del Biellese, dimentichi dell’esempio di integrazione di Coggiola, hanno lanciato un piano di accoglienza che prevede di alloggiare i migranti presso i palazzi comunali, che dovrebbero invece essere la casa di tutti i cittadini: e ora di dire basta, i cittadini riconquistino i
Municipi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente