Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara buio nel centro storico. L’Enel: nessuno ce lo ha detto
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara buio nel centro storico. L’Enel: nessuno ce lo ha detto

Il black out si è verificato per diverse notti consecutive. Era causato da un sovraccarico di tensione

Gattinara buio nel centro storico. L’Enel: nessuno ce lo ha detto. Per alcune serate, la scorsa settimana, tutta la parte del centro di corso Valsesia e via Roma sono rimaste completamente al buio.

Gattinara buio nel centro storico. L’Enel: nessuno ce lo ha detto

La situazione è stata risolta, almeno in corso Valsesia. La cosa singolare è che, nonostante fioccassero le lamentele e i messaggi di disappunto su Facebook, nessuno aveva segnalato il guasto a Enel Sole. «La segnalazione è partita dal Comune – dice il sindaco Daniele Baglione – ma ci hanno detto da Enel che nessuno aveva telefonato per segnalare che un intero corso fosse al buio». Ovviamente è stato un guasto a lasciare corso Valsesia e altre zone al buio. «Si è trattato di un problema – spiega Baglione – probabilmente dovuto a dei sovraccarichi di tensione o ai temporali della scorsa settimana. Io ero via. Sono tornato domenica e mi sono accorto del problema che dal municipio, comunque, avevano già provveduto a segnalare. Lunedì la situazione è stata risolta».

Basta chiamare il numero verde

In questi casi, ricordano dal Comune, è bene telefonare a Enel Sole, al numero verde gratuito 800-901050. «Occorre telefonare – dice il sindaco – indicando l’indirizzo e il numero civico del punto luce guasto, oppure il numero riportato sulla targhetta che si trova su ogni lampione. Secondo la convenzione tra Enel e il Comune di Gattinara, la società ha tre giorni lavorativi per intervenire. A volte mi capita di parlare con persone che lamentano da mesi un lampione spento ma che non hanno mai fatto la segnalazione. Specie se si tratta di un punto luce in una strada non così frequentata, anche in municipio può sfuggire. Basta telefonare ed Enel è sempre intervenuta tempestivamente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente