Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara chiesa San Francesco: si restaura l’antico coro
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara chiesa San Francesco: si restaura l’antico coro

L'inaugurazione dei locali restaurati è attesa a dicembre

gattinara chiesa

Gattinara chiesa San Francesco “sotto i ferri”: si restaurano l’antico coro e alcuni locali annessi.

Gattinara chiesa San Francesco restauri in vista

Buone notizie per i fedeli gattinaresi e per tutti gli appassionati di arte e architettura. In occasione del triduo di San Francesco, che si è concluso giovedì 4 ottobre, giorno dedicato al santo, i fedeli della chiesa di San Francesco hanno avuto una sorpresa. Al termine della funzione, infatti, l’architetto Fulvio Caligaris ha presentato i lavori di recupero dell’antico coro e di alcuni locali annessi alla chiesa, che un tempo erano stati ceduti a privati e ora sono tornati a far parte dell’edificio sacro.

La storia

Il convento e la chiesa di San Francesco di Gattinara furono costruiti nel 1619, dai Padri minori osservanti, francescani. I frati francescani rimasero in Gattinara fino alla chiusura del convento nel 1802, in epoca napoleonica, a seguito della soppressione degli ordini religiosi ed il convento fu venduto a famiglie contadine, che lo trasformarono in abitazioni. Nel 2012 un privato mise in vendita i locali che un tempo erano il coro, la sacrestia e il corridoio di collegamento tra la chiesa e il convento, e i Priori di San Francesco e il parroco monsignor Franco Givone, li acquistarono.

Il progetto

L’architetto Fulvio Caligaris di Gattinara ha predisposto un progetto per il recupero dei locali, ottenendo le autorizzazioni della Soprintendenza, della Curia Arcivescovile e del Comune. Dopo aver curato il restauro del campanile, della facciata della chiesa, nel maggio di quest’anno sono iniziati i lavori nell’ex coro e nella ex sacrestia. «Prima dei lavori – dice l’architetto Caligaris – sono state effettuati saggi stratigrafici alle pareti ed alle volte, al fine di conoscere l’esistenza o meno di preesistenze pittoriche. Si è provveduto a demolire una volta a botte costruita dai precedenti proprietari, che divideva in altezza l’antico coro. Annesso alla sacrestia è stato realizzato un piccolo servizio igienico. Sono state rifatte le pavimentazioni, le modanature perimetrali, gli intonaci e le tinteggiature e sono state riaperte le due porticine murate, a lato dell’altare, che permettono ora il collegamento della chiesa con il coro restaurato».

I lavori

Dopo aver riaperto la finestra semicircolare che illuminava il coro, è stata demolita la muratura sopra all’altare, permettendo di rileggere le stupende volte del coro dalla chiesa, che in questo modo ritorna allo stato originale con l’illuminazione proveniente da est. I lavori, diretti dall’architetto Caligaris ed eseguiti dall’Impresa Edile Gattinarese, sono quasi ultimati e si prevede l’inaugurazione dei locali restaurati per inizio dicembre, con una cerimonia ad hoc, alla quale parteciperanno anche le autorità e l’arcivescovo di Vercelli. L’intervento ha ottenuto un contributo da parte della Cei (con i fondi provenienti dall’8 per mille) di 30mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente