Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara l’area industriale mai partita costerà 190mila euro all’anno
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara l’area industriale mai partita costerà 190mila euro all’anno

La città del vino dovrà versare alla Regione rate da 188mila euro per 15 anni. Baglione aveva chiesto il doppio di tempo per il pagamento.

Gattinara l’area industriale mai partita ora va risarcita.

Gattinara l’area industriale mai partita costerà 190mila euro all’anno

Il consiglio comunale ha approvato il piano di rientro per restituire alla Regione i 2,8 milioni di euro prestati per la realizzazione dell’area Pip (Piano degli insediamenti produttivi). Gattinara aveva chiesto prima di poter spalmare il debito su trent’anni, poi, dato che la Regione è stata intransigente, chiedendo di saldare i debiti in quindici anni, a rate fisse.

Si sperava nelle elezioni

Il Comune di Gattinara sembrava pronto a rimandare la questione con la nuova giunta regionale che, a seconda di come andranno le elezioni, potrebbe anche essere “amica”, in modo da trovare un accordo. Poi la decisione di chiudere, dato che la vicenda era gestita più che altro dai funzionari e non dai politici. Il risultato è che il Comune di Gattinara restituirà alla Regione Piemonte 188mila euro all’anno per 15 anni.

O nelle quote variabili

«Abbiamo dovuto gestire il piano di rientro – dice il sindaco Daniele Baglione – esattamente come hanno fatto gli altri trenta Comuni piemontesi. Eravamo rimasti solo noi e Asti a opporci alle modalità di rimborso imposte dalla Regione. Che tutt’ora riteniamo essere una stupidata. Sia perché tra enti i rimborsi avvengono in trent’anni, sia perché avvengono soprattutto a quote variabili. Vale a dire che, man mano che si chiudono gli altri mutui, si può aumentare la rata da restituire. Invece no. Ovvio che se l’area industriale dovesse partire, ammesso che parta, allora potremo cambiare il piano di rientro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente