Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ghemme fa chiudere il dehors travolto da un’auto
Attualità Novarese -

Ghemme fa chiudere il dehors travolto da un’auto

Il mese scorso l'area era stata teatro di un incidente, fortunatamente senza feriti

ghemme fa chiudere

Ghemme fa chiudere lo spazio all’aperto davanti al bar di via Monte Rosa: era stato toccato da un incidente.

Ghemme fa chiudere il dehors

Non si potrà più stare nella precedente zona dehors del bar Primavera, né si potrà parcheggiare nei posteggi finora disponibili in via Monte Rosa a Ghemme. Lo ha deciso la comandante della polizia locale delle Colline Novaresi Anna Assi. Lo spazio esterno del locale, il 17 settembre era stato “centrato” da un auto che si era poi ribaltata. Un incidente spettacolare ma per fortuna senza gravi conseguenze.

L’interpellanza

In seguito, però, la capogruppo di “Progettiamo la storia” Maura Ferrari aveva presentato un’interpellanza, che è stata discussa venerdì in consiglio comunale. Durante la seduta il sindaco Davide Temporelli ha letto il parere della comandante dei vigili, che oltre ad annunciare la revoca delle autorizzazioni per il dehors e per i parcheggi, propone di realizzare otto nuovi posti auto nelle vicinanze: tre in via Gaudenzio Ferrari e cinque in via Marino del Grande. «Accettiamo il parere del comandante – dichiara Maura Ferrari – , sopra ogni cosa per noi c’è la sicurezza dei cittadini. E se la larghezza della strada in quel tratto non consente di avere un dehors e dei parcheggi è giusto intervenire. Per le attività commerciali penalizzate ci sono comunque delle alternative praticabili, come nuovi parcheggi nelle vie limitrofe o il senso unico».

Il senso unico

Il senso unico è da sempre uno dei cavalli di battaglia dell’ex sindaco Alfredo Corazza e del suo piano del traffico, mai attuato del tutto. Il predecessore di Temporelli non è d’accordo con la scelta dell’amministrazione: «Si tolgono il dehors e i parcheggi che si dovevano e potevano tenere. Invece così le macchine, in via Marino del Grande, saranno costrette a passare sui piedi di chi esce dall’oratorio. Sperando che la buona stella impedisca incidenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente