Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ghemme progetto auditorium per le scuole
Attualità Novarese -

Ghemme progetto auditorium per le scuole

L'idea potrebbe diventare realtà grazie a un bando regionale

ghemme progetto

Ghemme progetto per realizzare un auditorium alle scuole: al via un bando regionale.

Ghemme progetto per un auditorium

Per anni si è discusso, in paese, dell’ipotesi di creare un auditorium per le scuole di Ghemme. L’idea è sempre rimasta nel cassetto, potrebbe nei prossimi anni diventare realtà con l’aiuto della Regione. La giunta di Davide Temporelli, infatti, ha deciso di partecipare al bando per la redazione del programma triennale regionale per interventi di edilizia scolastica e alla richiesta di accesso al Conto termico.

Le ipotesi di lavoro

Ghemme ha approvato un progetto da 6 milioni di euro per il polo scolastico di via Vittorio Veneto, che ospita elementari e medie. Oltre alla realizzazione della sala polivalente (costo di poco inferiore a 1,2 milioni) sono previsti anche un intervento di adeguamento sismico della palestra (1,8 milioni) e i lavori di rifacimento e messa a norma degli impianti (465mila). Il progetto di adeguamento e ampliamento delle scuole ghemmesi è stato redatto dall’ingegner Egidio Fauda Pichet di Borgosesia.

Due lotti

Per ottimizzare la gestione degli interventi e le possibilità di finanziamento, è stato previsto di dividere il progetto in due lotti, il primo da 3,2 milioni è in programma nel 2019 e il secondo da 2,9 nel 2020. Revocato invece il vecchio progetto di messa in sicurezza dell’edificio scolastico (da 980mila euro), che non aveva ottenuto il finanziamento statale. E sempre in tema di lavori pubblici, la giunta della città del vino ha deciso di spostare dal 2018 al 2019 i lavori di messa in sicurezza della viabilità e idrogeologica e della caserma dei carabinieri. Per quest’ultima, però, potrebbero arrivare a breve buone notizie: la seconda sottoscrizione lanciata da Ghemme e Sizzano per richiedere fondi per la realizzazione dell’appartamento del comandante avrebbe avuto risposta positiva da parte di cittadini e aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente