Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Giudice di pace a Varallo: troppi 95mila euro all’anno
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Giudice di pace a Varallo: troppi 95mila euro all’anno

Richiesto un nuovo incontro con il presidente del tribunale di Vercelli su invito dei sindaci della Valsesia

Giudice di pace a Varallo: troppi 95mila euro all’anno. Pochi giorni fa i sindaci dei comuni valsesiani si sono riuniti in occasione del consiglio dell’Unione montana. Nel corso della seduta gli amministratori hanno espresso il loro parere sul mantenimento del servizio senza però giungere a una decisione definitiva.

Giudice di pace a Varallo: troppi 95mila euro all’anno

Pochi giorni fa i sindaci dei comuni valsesiani si sono riuniti in occasione del consiglio dell’Unione montana. Nel corso della seduta gli amministratori hanno espresso il loro parere sul mantenimento del servizio senza però giungere a una decisione definitiva. Il sindaco Eraldo Botta ha richiesto un nuovo incontro al presidente del tribunale, a cui parteciperà anche Pierluigi Prino nel ruolo di presidente dell’Unione montana dei comuni della Valsesia e alcuni sindaci del territorio. «L’intenzione – spiega Prino – è di valutare una possibile riduzione del costo del servizio, ritenuto piuttosto elevato da parecchi comuni. Alcuni avvocati valsesiani hanno fatto notare che per la discussione delle cause si recano già a Vercelli, pertanto il mantenimento del servizio a Varallo non è ritenuto da qualcuno poi così indispensabile».

Costi

I 95mila euro servono per pagare i due dipendenti (il cancelliere e l’operatore giudiziario) e tutte le spese di funzionamento e di erogazione del servizio. Il giudice è invece stipendiato dal Ministero. «Attualmente il giudice sale a Varallo tre volte al mese – spiega Botta -, ma l’ufficio è sempre aperto dal lunedì al venerdì, pertanto i costi sono inevitabili. Comunque si valuterà se sarà possibile ridurli ulteriormente, magari diminuendo i giorni di apertura dell’ufficio».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente