Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Grignasco conta i danni dopo il raid dei ladri | Le foto
Attualità Serravalle e Grignasco -

Grignasco conta i danni dopo il raid dei ladri | Le foto

l racconti dell'edicolante e dei ristoratori presi di mira dai malviventi la scorsa settimana.

Grignasco conta i danni dopo il raid dei ladri in un’edicola e in una pizzera. Ecco il racconto dei gestori.

Grignasco conta i danni provocati dai ladri

Una settimana dopo essere finiti nel mirino dei ladri, parlano i titolari della pizzeria ristorante “La fenice” e della tabaccheria edicola accanto al vecchio peso pubblico. Che in questi giorni hanno dovuto far la conta dei danni provocati dai malviventi. Scorri le foto qui sotto.

Il colpo alla pizzeria: 2500 euro di alimenti spariti

«Si sono diretti alla cella frigo – raccontano i titolari della pizzeria – e hanno portato via tutto quello che c’era, dalla carne al pesce. E hanno rubato anche il computer che avevamo vicino alla cassa. Pensiamo che abbiano infilato i prodotti in una nostra tovaglia, che non abbiamo più trovato, e dopo aver confezionato un bel fagotto siano fuggiti. Il valore era di circa 2500 euro, solo per il cibo. Giovedì a mezzogiorno siamo stati costretti a tenere chiuso perché non avevamo nulla da cucinare per i clienti. Oltre alla perdita di circa 2500 euro, ne dobbiamo spendere altrettanti per risistemarci».

Il furto alla tabaccheria

Nell’edicola tabaccheria sono sprite sigarette, “gratta e vinci” e denaro dalla cassa. «L’allarme ha iniziato a suonare ma i responsabili del furto hanno continuato indisturbati a fare ciò che dovevano – racconta il titolare della tabaccheria -. I danni sono stati ingenti e quando ho aperto la porta del negozio ho trovato tutto in disordine». Anche in questo caso l’attività ha dovuto chiudere i battenti per qualche ora per riuscire a tornare alla normalità. «Vorrei ringraziare tutti coloro che si sono mostrati solidali nei nostri confronti e un ringraziamento particolare anche ai colleghi che ci hanno aiutato ad affrontare questo momento poco piacevole».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente