Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Grignasco sgonfia il capannone degli impianti sportivi
Attualità Serravalle e Grignasco -

Grignasco sgonfia il capannone degli impianti sportivi

Beatrice: «Siamo in cerca di fondi: vorremmo riqualificare tutto l’impianto di via Cavour».

Grignasco sgonfia il capannone utilizzato per giocare a tennis e calcetto. L’intenzione dell’amministrazione comunale è di rifare l’area in maniera totale.

Grignasco sgonfia il capannone dietro la palestra comunale

«Per una serie di motivi il pallone è stato sgonfiato – spiega il sindaco Roberto Beatrice – ma possiamo dire che stiamo pensando di riqualificare la zona, inclusa la palestra. E vorremmo provvedere all’implementazione dell’area tennis con lo spazio per il paddle, nuova frontiera del tennis. Per fare questo però dovremo partecipare a un bando ministeriale e sperare di riuscire ad aggiudicarci un contributo». Il Comune dunque incrocia le dita per il futuro di una zona importante per gli sportivi. «Dovremo vedere quali saranno le risposte del bando – conclude Beatrice –. L’intenzione è proprio quella di rifare l’area in maniera totale. Anche perché la tensostruttura nuova vicino alle scuole non sostituisce l’impianto vicino alla palestra, ma sarà solo per gli studenti».

2 Commenti

  • Gianfranco V. ha detto:

    Non capisco quindi l’urgenza di sgonfiare il “pallone” e disattivare subito il campo da tennis, visto che l’eventuale riqualificazione è ancora incerta e richiederà anni.
    Non si potevano lasciare le cose come stanno in attesa dell’esito del bando, evitando di privare Grignasco dell’unica possibilità di praticare questo sport?
    Mi spiace ma credo che il Sindaco non la racconti tutta.

    • Sara ha detto:

      Perchè dismettere una struttura che, sebbene non nuovissima, funzionava ed era utilizzata da un discreto numero di tennisti e calciatori? Ora siamo rimasti senza campo da tennis e senza campo da calcetto.
      Un vero peccato.
      Una sconfitta per lo sport e per tutti noi che frequentavamo quella struttura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente