Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Il nuovo servizio di oculistica di Habilita Casa di Cura I Cedri di Fara Novarese
Attualità Novarese -

Il nuovo servizio di oculistica di Habilita Casa di Cura I Cedri di Fara Novarese

La possibilità di diagnosi e cura si estende a tutte le fasce di età

Il nuovo servizio di oculistica presso Habilita Casa di Cura I Cedri di Fara Novarese basa la propria attività sull’eccellenza della strumentazione a disposizione e sulla rinnovata offerta di attività diagnostiche e procedure chirurgiche. Grazie all’integrazione con l’attività di ortottica, la possibilità di diagnosi e cura si estende a tutte le fasce di età, dai bambini agli anziani. Inoltre, una particolare attenzione viene riservata anche alla moderna contattologia, all’ortocheratologia e alla valutazione dei vizi di rifrazione come miopia, ipermetropia e astigmatismo per eventuale trattamento laser.

Per conoscere meglio l’attività che viene svolta all’interno dell’Ambulatorio ci affidiamo al Dr. Fabio Mazzolani, oculista di Habilita. «Il punto di partenza resta sempre la visita oculistica che rimane sempre il principale momento di incontro tra medico e paziente e la partenza per poter affrontare eventuali rischi per la salute dell’occhio e malattie. Il nostro occhio – prosegue il Dr. Mazzolani – è un organo di dimensioni ridotte e le misure si effettuano in millimetri o millesimi di millimetri, pertanto, la valutazione deve essere eseguita con sistemi ingrandenti che permettano all’oculista di cogliere al meglio le particolarità di ciascuna parte. Anche per la semplice prescrizione delle lenti, la valutazione del benessere oculare è fondamentale, la visita oculistica completa quindi deve essere sempre eseguita in contemporanea alla prescrizione delle lenti».

Dr Fabio Mazzolani

Per i bambini le visite oculistiche sono uguali a quelle degli adulti?

«Nei bambini, – spiega il Dr. Mazzolani – spesso consigliamo anche la valutazione ortottica, per valutare gli aspetti neuromuscolari della visione e poter diagnosticare, il più precocemente possibile, alterazioni visive come l’ambliopia (“occhio pigro”) e gli strabismi. Questo ci permette di poter offrire subito, grazie al nostro servizio di ortottica, una pronta diagnosi, cura e riabilitazione permettendo al nostro piccolo paziente di poter crescere senza compromissioni visive».

Durante una normale visita oculistica quali indicazioni possono emergere?

«Durante la visita oculistica, possono emergere varie indicazioni all’esecuzione di esami strumentali in base al riscontro di potenziali rischi di malattia o alla presenza conclamata di una malattia. In questa fase, è fondamentale poter proporre una diagnosi approfondita, non invasiva e sicura. Questo ci permette di fare diagnosi il prima possibile per poter porre rimedio efficacemente alla malattia. Il nostro servizio si avvale di una piattaforma diagnostica computerizzata di ultima generazione che ci permette in tempi rapidi e senza alcuna invasività per i nostri pazienti di individuare le principali patologie oculari a tutte le età».

Quali sono le patologie più diffuse?

«Glaucoma, maculopatia, retinopatia diabetica e cheratocono sono solo alcuni esempi delle principali e più diffuse malattie dell’occhio che possono beneficiare di un rapido inquadramento – continua il Dr. Mazzolani – e di un preciso follow-up grazie alle nuove tecnologie a nostra disposizione».

A I Cedri si effettuano anche interventi chirurgici?

«Esatto. Ancor più ambizioso è il nostro progetto per la chirurgia dell’occhio grazie al nuovo servizio di chirurgia oculare che recentemente si è arricchito di tecnologia all’avanguardia per poter offrire una risoluzione rapida, non invasiva e sicura di quella che è il principale segno dell’invecchiamento: la cataratta. In questa direzione, Habilita Casa di Cura I Cedri e il servizio di oculistica stanno unendo le forze per poter offrire un servizio completo, di facile accessibilità e minimamente invasivo per poter risolvere non solo i problemi legati alla presenza della cataratta ma per poter ridare una capacità visiva sempre più personalizzata alle esigenze del singolo paziente grazie alle nuove lenti oculari impiantabili durante l’intervento di estrazione di cataratta».

In che cosa consiste questa nuova possibilità?

«Davanti alle sempre maggiori esigenze e all’incalzante richiesta di qualità nella visione dei nuovi giovani “over 65”, – conclude il Dr. Mazzolani – offrire una nuova opportunità di visione dopo l’intervento di cataratta è fondamentale per poter venire incontro a quelle che sono le richieste attuali come la guida dell’automobile e l’utilizzo di computer e tablet. Questo è realizzabile grazie all’offerta di nuovi presidi intraoculari impiantabili durante l’intervento di rimozione della cataratta. Lente intraoculari sempre più personalizzabili, efficaci e sicure che rendono l’intervento chirurgico non più solo la rimozione della cataratta ma anche l’opportunità per scegliere un nuovo modo di vedere e vivere».

 

Informazione pubblicitaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente