Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > La Pedemontana? I soldi finiti a Torino
Attualità Borgosesia e dintorni -

La Pedemontana? I soldi finiti a Torino

Le risorse per la Pedemontana finiscono a Torino. E’ l’allarme lanciato dal consigliere di Forza Italia Gilberto Pichetto.

Le risorse per la Pedemontana finiscono a Torino. E’ l’allarme lanciato dal consigliere di Forza Italia Gilberto Pichetto. «Vero che la speranza è l’ultima a morire, ma delle due l’una , o  chi governa il Piemonte continua a prendere in giro il territorio biellese raccontando da ormai quasi due anni che si va al Cipe e poi si rimettono i fondi scippati , oppure non si è degnato di andare oltre una semplice ipotesi da bar sport». Lo ha dichiarato il presidente del gruppo regionale di Forza Italia Gilberto Pichetto dopo aver appreso che la giunta Chiamparino avrebbe chiesto al Cipe ed al governo di procedere con un micro stralcio Gattinara-Ghemme della pedemontana al fine non correre il rischio di perdere anche gli 80 milioni dell’emendamento dello stesso Pichetto, nella veste di Senatore della Repubblica, nella legge di stabilità per il 2013. «Mi spiego  – continua Pichetto-  come è noto il tratto Masserano-Ghemme era finanziato da 80 milioni statali (emendamento Pichetto-Garavaglia ed altri) e da 120 milioni dei cosiddetti Par/fas  spettanti alla Regione Piemonte che confermai nella mia permanenza alla vicepresidenza della Regione Piemonte nel 2013/2014 creando così al 6 giugno 2014 una disponibilità totale per l’opera di 200 milioni di euro». E aggiunge: «Con una decisione del luglio 2014  la giunta Chiamparino toglie i 120 milioni di Par/fas regionali con la promessa che li avrebbe poi rimessi, tutto questo, lo dico con rammarico, a fronte di una silente reazione del amministratori del biellese che evidentemente hanno preferito tacere piuttosto che contraddire i loro compagni di partito. Per quasi due anni ci hanno raccontato che l’approvazione per recuperare queste risorse sarebbe arrivata al prossimo CIPE  ed ora continuano a rimandare ripetendo le stesse cose». E conclude: «Per quale motivo la giunta regionale ha messo nello stesso comunicato la pedemontana e la metropolitana torinese? Semplice, i fondi per la metro provengono da quelli a suo tempo stanziati per la Masserano-Ghemme».

Articolo precedente
Articolo precedente