Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Lester Rodella programmatore computer con vocazione del giallista
Attualità Borgosesia e dintorni Sessera, Trivero, Mosso -

Lester Rodella programmatore computer con vocazione del giallista

Lo scrittore, originario di Coggiola, è al suo quinto romanzo

lester rodella

Lester Rodella è al suo quinto libro: l’autore di Coggiola affianca la passione per la scrittura al lavoro in ambito informatico.

Lester Rodella e i suoi thriller

“La nera spiga di grano”: questo il titolo del quinto libro dell’autore coggiolese Lester Rodella. L’opera edita dall’Argento vivo edizioni di Roma sarà disponibile a breve su Internet e nelle librerie. Anche questa volta, come negli altri libri pubblicati dall’autore si tratta di un thriller che coinvolgerà i lettori. Rodella, che ha 36 anni, adesso vive a Quarona ma è nato e ha passato buona parte della sua vita a Coggiola, dove è ben conosciuto. Laureato in informatica, di mestiere fa il programmatore di software in una azienda a Borgosesia, ma la sua passione è la scrittura. «Ho sempre amato scrivere – spiega Rodella – quando ero piccolo inventavo storie e personaggi. Poi è stata quasi una sfida e sono passato a creare l’intreccio, mi piace trovare l’idea, inserire i colpi di scena, iniziare e finire la storia, rileggerla mi dà emozione. Ricordo che invece di preparare l’esame di maturità mi sono messo a inventare un racconto. Il primo libro è nato nel 2001 si intitola “Il viaggiatore” e l’ho scritto di getto».

Negli Usa

Rodella ha ambientato tutti i suoi cinque thriller in diverse città degli Stati Uniti: «Non ho mai vissuto là – continua il giovane scrittore –, anche se ci sono andato alcune volte come turista e ne sono rimasto affascinato. Per scrivere i miei libri mi documento sulla zona che descrivo. Sono cresciuto leggendo thriller americani e il mio stile è questo. Ogni storia è comunque diversa, nell’ultimo libro si parla di un uomo che si risveglia in una stanza inghiottita dall’oscurità, rendendosi conto di non avere ricordi del suo passato e di non conoscere il suo nome». Tutto ciò che rimane al protagonista è il volto sorridente di una donna, una cantilena e l’immagine di una spiga nera che dà appunto il titolo al libro. Nei romanzi di Rodella non mancano la tensione e l’emozione che riescono a coinvolgere il lettore e lo portano dentro al libro all’interno della storia.

Coggiola si conferma terra di scrittori: da ricordare anche il romanzo di Paola Budassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente