Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Lupi tornati in Valsessera: il Cai spiega come comportarsi
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Lupi tornati in Valsessera: il Cai spiega come comportarsi

Questa sera un incontro per capire cosa fare se si dovessero avvistare uno o più esemplari durante un'escursione in montagna

lupo in valsesia

Lupi tornati in Valsessera: il Cai organizza per oggi una serata informativa dedicata a escursionisti, bikers e allevatori.

Lupi tornati in Valsessera: il Cai spiega cosa fare quando si avvistano

Dopo più di un secolo dalla sua scomparsa, in Valsessera ha fatto ritorno il lupo. Lo comunica il Cai che per oggi, 13 aprile, organizza una serata per “diffondere una corretta conoscenza dell’animale, delle sue caratteristiche e abitudini così da contribuire a fornire le basi per una convivenza tra uomo e lupo che garantisca sia la tutela delle attività silvo-pastorali e turistiche legate al nostro territorio, sia la conservazione di questa specie, importante e necessario tassello della biodiversità”.

Appuntamento con i guardaparco della Valsesia

Appuntamento alle 21 al centro convegni di via Roma, sede Pro loco di Pray. Qui si parlerà del ritorno del lupo fornendo le informazioni necessarie al suo riconoscimento e al come comportarsi nel caso di un eventuale avvistamento. Oltre a ciò, ci cercheranno cercare di sfatare falsi miti e leggende che distorcono la percezione dell’impatto della presenza dell’animale nelle nostre Alpi. Miti che alimentano paure o timori spesso inutili.

Attenzione anche ai cani custodi di greggi

“Il ritorno di questo predatore – spiegano ancora dal Cai – impone che le greggi siano custodite da cani addestrati, pertanto durante la serata si daranno preziosi consigli utili agli escursionisti o agli amanti della mountain-bike. Si dirà su cosa fare se, durante le gite in montagna, ci si imbattesse in un gregge custodito da cani da guardiania, in modo da evitare di disperdere gli animali o da provocare una reazione aggressiva da parte dei cani ed essere percepiti come nemici da attaccare”. L’ingresso è libero a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente