Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pendolari vercellesi protestano e scrivono a Balocco
Attualità Gattinara e Vercellese -

Pendolari vercellesi protestano e scrivono a Balocco

Gli orari non vengono rispettati, le carrozze sono vecchie e scomode

Pendolari vercellesi hanno deciso di scrivere all’assessore regionale  Francesco Balocco per denunciare dei disservizi sui treni.

Pendolari vercellesi la segnalazione

«Sono passati alcuni mesi dalla nostra ultima segnalazione e, purtroppo, in questo periodo non abbiamo fatto altro che constatare che le promesse ricevute da più parti sono rimaste tali». Lo scrivono i rappresentanti del Coordinamento Pendolari Vercelli – Novara – Milano all’assessore regionale ai Trasporti. «Nel nostro incontro informale avvenuto su un RV 2104 in partenza da Milano P.ta Garibaldi, Le avevamo fatto notare come la configurazione dei treni non rispettasse più lo standard offerto ad inizio  servizio dei Fast, con carrozze più datate e decisamente più scomode. La risposta di Trenitalia qual è stata? Un patetico restyling della livrea esterna delle carrozze fatte passare dall‘ Ing. Raciti, in una nota stampa, come “carrozze nuove”».

I numeri

«I numeri del 2019 dicono che su 81 viaggi monitorati solo 20 sono arrivati a destinazione in orario, con ritardi sul 75% dei treni. Il totale dei minuti di ritardo accumulati è di 455 minuti ( Più di 7,5 Ore! ), con una media di 5,61 minuti a viaggio. In questi 11 giorni di Marzo sono già stati accumulati 132 minuti di ritardo, uno in più rispetto a quelli rilevati in tutto Gennaio. Non ci stancheremo mai di ribadire che il ritardo dovrebbe essere un’eccezione, non la regola – concludono – Insomma, niente è migliorato, anzi…». Intanto si torna a parlare della riapertura della Arona-Santhià.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente