Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Rimpatriata Ipsia Borgosesia: si ritrovano gli ex alunni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Rimpatriata Ipsia Borgosesia: si ritrovano gli ex alunni

«Il ricordo di quegli anni è rimasto ben vivo, impossibile cancellarli»

Rimpatriata Ipsia Borgosesia, trentacinque ex studenti dell’istituto professionale si sono ritrovati davanti al portone della scuola di via Marconi

Rimpatriata Ipsia Borgosesia, una serata in allegria

Ritrovarsi tutti insieme per ricordare gli anni dell’Ipsia “Magni”, ritrovando i “vecchi” compagni di scuola. E’ quello che hanno fatto trentacinque ragazzi, tutti ex studenti dell’istituto professionale di Borgosesia. Per dare il via alla serata i ragazzi, nati fra il 1980 e il 1986, si sono ritrovati davanti al portone della scuola di via Marconi. «Abbiamo voluto trovarci per non dimenticare gli anni scolastici – spiega Fabiana Bellomo, una delle organizatrici della rimpatriata -: a scuola eravamo un gruppo di ragazzi affiatati e, anche se di età diverse, cercavamo di essere sempre uniti e in allegria. Anche se con poco riuscivamo a divertirci tanto. Finita la scuola ognuno ha preso strade diverse e i momenti di incontro piano piano sono scomparsi. Però il ricordo di quegli anni è rimasto ben vivo, impossibile cancellarli».

“Remember Ipsia”…

Trascorsi quasi vent’anni, 35 di quei giovani si sono ritrovati: «Insieme a Elisabetta Garlanda e Matteo Basiricò abbiamo pensato di organizzare la rimpatriata – prosegue Bellomo -: attraverso facebook, con l’aiuto di amici, e amici degli amici, siamo riusciti a contattare e avere l’adesione di quasi una quarantina di ex alunni». Sul portone di ingresso dell’istituto Magni è stato affisso il cartellone “Remember Ipsia”: «E’ stata un’emozione rivedere chi magari non si incontrava da quasi due decenni – conclude Bellomo -. Qualcuno oggi è sposato, c’è chi è diventato papà o mamma. C’è chi si è trasferito, ma non ha perso occasione di esserci comunque: uno è arrivato dall’Emilia, un altro addirittura dall’Indonesia. A fine serata ci siamo salutati con una promessa: non attendere ancora altri vent’anni per ritrovarci».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente