Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Rio Scoldo continua l’agonia del corso d’acqua a Portula
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Rio Scoldo continua l’agonia del corso d’acqua a Portula

Alcuni residenti segnalano un fenomeno preoccupante

Gli abitanti della zona nuovamente preoccupati per la situazione del Rio Scoldo. Alcuni residenti hanno girato un nuovo filmato che mostra il ruscello, che scorre fra Portula e Trivero, di un colore tendente al nero con parecchia schiuma. «La situazione è davvero grave – spiega uno dei cittadini -. Nonostante le proteste e gli appelli, le cose non sono cambiate». Non è passato neppure un mese dall’ultima segnalazione giunta in redazione a Notizia Oggi.

Da parte sua l’amministrazione comunale rimane in attesa di un riscontro da parte dei residenti. «Al momento non abbiamo avuto alcuna segnalazione – spiega il sindaco Fabrizio Calcia Ros -. Se qualcuno viene in Comune o ci interpella siamo comunque pronti a fare un sopralluogo e vedere come è la situazione». Ma il problema è annoso. «Ricordo che già l’allora sindaco Vanni Schirato – riprende Calcia Ros – si era interessato della questione interpellando l’Arpa che aveva svolto un sopralluogo sul territorio. Aveva anche scritto all’allora sindaco di Trivero». Era il 2011, sono passati sette anni ma il problema va avanti e ciclicamente il torrentello inizia ad assumere le colorazioni più strane e stravaganti, in alcuni casi non manca un odore acre.

Come detto però in municipio non sono arrivate segnalazioni al momento. «Come amministratori abbiamo bisogno delle segnalazioni dei cittadini per poterci muovere, occorre collaborazione se si vuole risolvere il problema – riprende -. La questione tiene banco da anni, ma di fatto non è mai risolta. Se venissimo informati allora faremo le segnalazioni del caso».

Lo Scoldo nasce dalle pendici sud-orientali del Monte Rubello e scende verso est bagnando la zona; quindi passa il territorio di Portula e confluisce nel Ponzone nei pressi della Fabbrica della Ruota.

Chi frequenta la zona da anni pone la questione senza però riuscire a ottenere nulla: «Sono chiaramente scarichi di origine industriali, non di certo una lavatrice domestica. Inoltre il colore scuro del fondale non è causa di vecchi sversamenti. Del resto, nel periodo centrale di agosto le acque sono cristalline: come dire che quando le aziende sono chiuse per ferie, il rio torna pulito».

Articolo precedente
Articolo precedente