Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano sarà illuminata da mille luci a led
Attualità Novarese -

Romagnano sarà illuminata da mille luci a led

L'intervento sarà ultimato nel giro di qualche mese

Romagnano sarà illuminata a led. Si tratta di un’operazione che riguarderà più di 1000 lampioni. Un progetto in grande stile, dal costo complessivo di quasi 4 milioni di euro

Romagnano sarà illuminata a led

A Romagnano nel giro di pochi mesi verrà rivoluzionato il sistema di illuminazione pubblica, con la sostituzione delle vecchie lampadine e la posa di nuovi pali nelle zone ora “in ombra”. Si tratta di un’operazione che riguarderà più di 1000 lampioni. Un progetto in grande stile, quindi, dal costo complessivo di quasi 4 milioni di euro, reso possibile grazie all’apertura di una procedura di project financing. L’operazione si è chiusa nei giorni scorsi con l’assegnazione in via definitiva alla ditta Sauber. L’affidamento prevede il rifacimento del sistema di illuminazione pubblica e la sua gestione per una durata ventennale. «Per il Comune si tratta di un’operazione a costo zero, nel senso che continuerà a pagare la stessa retta, pari a 200mila euro all’anno, alla ditta Sauber anziché ai fornitori di energia elettrica e per la gestione degli impianti. Ci sarà un’ottimizzazione del consumo energetico e un vantaggio dell’ambiente», dichiara il sindaco Cristina Baraggioni.

Prima di Natale i primi lavori

Le operazioni saranno completate nell’arco di 4,5 mesi, partendo dalle vie più “disastrate”, Martiri e Gramsci. Per avviare il project financing, l’ente ha dovuto riacquistare alcuni pali della luce, per una spesa di qualche decina di migliaia di euro. Alcuni infatti erano del Comune, altri di Enel Sole. Il bando è stato possibile solo con la proprietà di tutti i punti luce. I primi lavori potranno iniziare dopo 35 giorni dall’assegnazione, forse già prima di Natale potranno essere posati i primi corpi illuminanti. Il tutto comunque sarà ultimato nel giro di 4, 5 mesi.  Verranno posati lampioni anche nei punti ora sprovvisti, come nell’ultimo tratto di via Giacomo Grai, dove vi sono abitazioni e imprese. Qui un precedente articolo sullo stesso argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente