Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Sacro Monte pavimento da rifare in basilica
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Sacro Monte pavimento da rifare in basilica

Toccherà ad Alberto Bolcato, professionista di Borgosesia, rimettere a nuovo il pavimento

Sacro Monte pavimento da rifare in basilica. Posato nel 1932, mai più toccato per 86 anni e ormai deteriorato dal tempo, il pavimento della basilica del Sacro Monte sta per tornare a splendere.

Sacro Monte pavimento da rifare in basilica

Sarà rimesso a nuovo il pavimento in basilica al Sacro Monte. «Chiunque abbassi gli occhi a terra si imbatte nei buchi che si sono formati in questi decenni per diversi motivi», scrive Padre Giuliano Temporelli, rettore del Sacro Monte.  Il marmo risale ai primi anni Trenta del Novecento. Fu la famiglia Boccioloni di Varallo a provvedere alla stesura della nuova pavimentazione. La donazione arrivò in seguito a una lettera che Papa Pio XI inviò all’allora vescovo di Novara Giuseppe Castelli. Con quell’epistola del 28 febbraio 1932 il pontefice rese una “basilica” la chiesa dell’Assunta.

Nuovo pavimento

Toccherà ad Alberto Bolcato, professionista di Borgosesia, rimettere a nuovo il pavimento. Il costo complessivo dell’opera sarà di circa 23mila euro.
«Abbiamo ricevuto tutte le autorizzazioni per partire – , spiega il rettore -, ma resta da definirsi la data di inizio lavori e sicuramente stiamo parlando di un periodo successivo alla Pasqua».

Le tempistiche

Per giungere al risultato finale ci vorranno diversi mesi. «Non prevedo tempi brevi – continua il presbitero alla guida del santuario-, pertanto dobbiamo individuare quali siano i momenti più opportuni per intervenire su ciascuna area». La ristrutturazione procederà infatti per settori. Il tutto per permettere a fedeli e visitatori una fruibilità costante della basilica. «Un’idea potrebbe essere, ad esempio, quella di lavorare nello scurolo nei mesi estivi, tra giugno e settembre – aggiunge Temporelli -, quando non viene utilizzato a causa della sua elevata umidità. Quale sarà la prima parte interessata, tuttavia, è ancora da decidere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente