Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Scuola Quarona arrivano 320mila euro per il “cappotto”
Attualità Borgosesia e dintorni -

Scuola Quarona arrivano 320mila euro per il “cappotto”

Il Comune ha ottenuto un contributo regionale

Scuola Quarona arrivano 320mila euro per il “cappotto”. Arriva il finanziamento per la riqualificazione energetica delle elementari.

Scuola Quarona il finanziamento

I lavori, dall’importo di 419mila euro, porteranno a una diminuzione dei consumi quantificata al 55%.
Nei prossimi mesi potrà dunque essere avviata l’opera: «Il progetto è stato ammesso ai contributi di un bando regionale che premia i Comuni al di sotto dei cinquemila abitanti – conferma il sindaco Sergio Svizzero -. La Regione riconosce la copertura dell’80 per cento dei costi, finanziando quindi 319mila euro. I restanti saranno a carico del Comune, che tuttavia rientreranno attraverso gli incentivi concessi in “conto termico” dal Gse, l’ente che gestisce i servizi energetici».

Gli interventi

Il progetto prevede la realizzazione di un cappotto termico esterno, la sostituzione di porte e finestre, infissi e serramenti, la sostituzione di parte delle valvole termostatiche: «Sono tutti elementi che permetteranno la riqualificazione dell’immobile per la riduzione dei consumi energetici – evidenzia il primo cittadino -. La scelta stessa di procedere con un cappotto esterno, anzichè interno, va proprio nella direzione di un migliore contenimento energetico. Requisito determinante per l’assegnazione del finanziamento era la previsione del risparmio energetico che si andrà a ottenere con i lavori: nel nostro caso il contenimento dei consumi è calcolato su un 55 per cento, e ci sarà una riduzione delle emissioni di CO2 nella misura di 74.300 chili».

I tempi

Via libera dunque ai lavori, ora il Comune studia i tempi di realizzazione: «Purtroppo la burocrazia ha già allungato i tempi, e solo per la presentazione del cronoprogramma c’è voluta qualche settimana – osserva Svizzero -. La previsione è di realizzare una parte dei lavori nell’anno, e concludere tutto nel prossimo. Si conta di avere la progettazione pronta per giugno e nei due mesi successivi dedicarli all’appalto; in questo a settembre si potrebbe partire con il cantiere che, rimanendo esterno, non andrebbe a influire sull’attività didattica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente