Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Sea Watch, Giulia Bodo inizia lo sciopero della fame
Attualità Gattinara e Vercellese -

Sea Watch, Giulia Bodo inizia lo sciopero della fame

Una forma di protesta per chiedere di far scendere a terra i migranti

Sea Watch, Giulia Bodo annuncia lo sciopero della fame.

Sea Watch, Giulia Bodo e lo sciopero della fame

Dalla mezzanotte notte di oggi, mercoledì 30 gennaio, Giulia Bodo aderisce per cinque giorni allo sciopero della fame promosso dai Radicali Barbara Bonvicini, Igor Boni e Marco Maria Freddi per la liberazione dei 47 migranti che, salvati dalla nave Sea Watch, attendono da dodici giorni di essere sbarcati in un porto sicuro. Giulia Bodo è presidente di Arcigay Vercelli e militante del gruppo +Europa Vercelli.

Dichiarazione di Giulia Bodo: “Qualunque detenzione arbitraria di persone deve essere ritenuta una violazione dei diritti umani. Non è ammissibile che uno Stato di Diritto protragga ulteriormente l’agonia di 47 persone la cui unica colpa è quella di essere nate dalla parte sbagliata del Mediterraneo. Il braccio di ferro tra i Paesi europei sul tema dell’immigrazione non può consumarsi sulla pelle di esseri umani innocenti. Come diceva Antonio Gramsci, odio gli indifferenti: diamo voce al senso di umanità che resta a questo Paese. Restiamo Umani.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente