Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Serravalle micini buttati nel cassonetto ancora vivi
Attualità Serravalle e Grignasco -

Serravalle micini buttati nel cassonetto ancora vivi

Straziante fine per tre cuccioli che qualche ignoto ha abbandonato nella spazzatura vicino al cimitero

Serravalle micini buttati nel cassonetto ancora vivi. La scoperta pochi giorni fa vicino all’ingresso del campo santo.

Serravalle micini buttati nel cassonetto ancora vivi

Pochi giorni fa una donna che stava facendo visita ai suoi defunti ha sentito qualche rumore strano provenire dal cassonetto accanto all’ingresso del camposanto «La signora ha trovato una scatola in fondo al contenitore e ha sentito miagolare – spiega Alessandra Boccalatte, punto di riferimento di Enpa Borgosesia- , così ci ha contattati. Una nostra volontaria è arrivata sul posto e ha estratto dal cassonetto la scatola. I gattini erano bagnati fradici».
Gli animali sono stati molto tempo nel contenitore di rifiuti. «Pensiamo che siano stati abbandonati di mattina presto, quando non c’era in giro nessuno. Noi li abbiamo trovati nel pomeriggio, bagnati fradici a causa dell’acqua piovana e degli scarti dei fiori appassiti – evidenzia Boccalatte -. Due gattini nel giro di poche ore sono morti, l’altra è sopravvissuta per due giorni, ma non ce l’ha fatta nemmeno lei. I poveri mici erano troppo deboli».

La condanna al gesto

Per ora non si conosce l’autore del gesto, ma il Comune di Serravalle ha intenzione di andare a fondo alla vicenda. «Sono al corrente dell’episodio – commenta il consigliere comunale Claudio Mazzone – e lo condanno. Non è accettabile un’azione del genere nei confronti degli animali . Ora vediamo se è possibile risalire al responsabile dell’azione. Gesti di questo tipo non possono passare impuniti».
L’episodio ha scosso molti cittadini e la questione è rimbalzata anche sui social network. In molti hanno ringraziato Enpa per l’intervento tempestivo, nello stesso tempo numerosi sono stati gli utenti che hanno espresso la loro indignazione nei confronti dell’autore dell’episodio. «Far vivere un calvario agli animali è un crimine, secondo noi – prosegue la portavoce di Enpa -. Invece di abbandonare in un cassonetto dei poveri cuccioli indifesi si può chiedere un aiuto a noi, oppure provvedere a sterilizzare i propri gatti».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente