Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Serravalle salva per miracolo la chiesetta di Monchezzola
Attualità Serravalle e Grignasco -

Serravalle salva per miracolo la chiesetta di Monchezzola

Il rogo che ha distrutto i boschi tra Piane e Sostegno ha risparmiato l’area degli alpini. «Ma abbiamo temuto il peggio».

Serravalle salva per miracolo la chiesetta di Monchezzola, ma l’incendio ha sfiorato chiesa e rifugio.

Serravalle salva per miracolo la chiesetta di Monchezzola

Poteva subire danni peggiori la chiesetta della Madonna della Neve. Le fiamme l’hanno costeggiata fino ad arrivare alla piccola fontanella. «Più di una volta siamo saliti per capire se ci fosse bisogno di aiuto – dicono le penne nere – e abbiamo portato cibo agli instancabili volontari che si sono adoperati per lo spegnimento delle fiamme. Eravamo tutti molto tesi vedendo dal vivo la situazione».

Salvo anche il rifugio

Poco distante dalla chiesetta si trova il rifugio di Monchezzola, anch’esso, risparmiato dall’incendio che ha devastato migliaia di ettari tra Piane, Bornate e Sostegno nei giorni scorsi. La struttura realizzata dagli alpini 50 anni fa sorge tra i boschi, sulle alture serravallesi e fa da cornice a molteplici iniziative che vengono organizzate durante l’anno da parte delle penne nere. Nel drammatico rogo scoppiato nelle scorse settimane anche per Monchezzola si è temuto il peggio. «Il fuoco è arrivato fino al ruscello presente nei pressi del rifugio fino a spingersi proprio accanto al fontanino a pochi metri dalla chiesetta – riferisce il sodalizio -. Siamo stati molto in apprensione, fortunatamente non sono stati registrati danni né all’edificio religioso né alla nostra struttura. Ma siamo stati tanto in ansia».

Un Commento

  • Roberto ha detto:

    Si, è senza dubbio un miracolo: Dio sceglie i piccoli ed anonimi ai più, mentre i “grandi” pomposi e ricchi di orpelli spesso se ne vanno al catafascio ( tranne i simboli più sacri e, di regola, i confessionali)….🤔

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente