Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Siccità record: allarme in Valsesia per fiumi e torrenti
Attualità -

Siccità record: allarme in Valsesia per fiumi e torrenti

La stazione meteo di Pila ha rilevato appena 40 millimetri di acqua dall’inizio di dicembre a oggi: solo nel 2012 una situazione simile.

Siccità record: in Piemonte le temperature di febbraio sono state le più alte degli ultimi 60 anni.

Siccità record: allarme per fiumi e torrenti

Una trentina di millimetri di pioggia dall’inizio dell’anno. Questa prima parte del 2019 rischia di entrare negli annali della Valsesia come la più siccitosa di sempre: per il momento, nel bilancio di gennaio e febbraio ha fatto peggio solo il 2012, quando le centraline registrarono appena 26 millimetri di pioggia. E in entrambi i casi, anche il mese di dicembre era stato aridissimo: appena 13 millimetri sia nel 2011 che nel 2018. Quindi, fanno 40 millimetri scarsi in tre mesi. I dati sono quelli della centralina meteorologica di Pila, che possiede un ottimo archivio consultabile anche online (www.meteopila.altervista.org). Nel 2018 il periodo gennaio-febbraio aveva portato ben 420 millimetri di acqua, ma anche questa era stata un’anomalia, benché di segno opposto. Nel 2017 i millimetri erano stati 197, nel 2016 erano piovuto 196 millimetri di acqua, l’anno precedente 298, il 2014 era stato ancora più piovoso: 391 millimetri.

Temperature troppo calde

Inoltre, all’assenza di piogge si aggiunge anche il caldo: secondo l’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale), il mese di febbraio ha fatto segnare in Piemonte il record degli ultimi 60 anni. Mercoledì 27 febbraio in giorno più caldo in assoluto, con la temperatura media sulla regione che ha raggiunto gli 11,3 gradi, mentre la media delle massime ha raggiunto i 17,2 gradi. Fra i 19 termometri della rete automatica il record lo ha toccato Bergalli, nel Cuneese, con 23,8 gradi.Ma anche in alta quota le temperature sono state anomale: sempre mercoledì alla Capanna Margherita il termometro è salito a circa -7 gradi, ben oltre le medie del periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente