Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Sprar Coggiola: famiglia migranti sparisce senza avvertire nessuno
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Sprar Coggiola: famiglia migranti sparisce senza avvertire nessuno

Padre, madre e figlioletto fanno le valigie e se ne vanno. I gestori trovano vuoto l'alloggio sopra il municipio.

Sprar Coggiola: famiglia ospitata sparisce senza avvertire nessuno. Sorpresi sia l’amministrazione, sia la cooperativa che gestisce il centro di accoglienza.

Sprar Coggiola: famiglia di migranti fa le valigie e sparisce

Erano un uomo e una donna di origini africane con un figlioletto di pochi mesi, ospitati nell’alloggio al terzo piano del muncipio di Coggiola nell’ambito del progetto di accoglienza Sprar. Sono spariti dalla sera alla mattina, senza avvertire nessuno. E lasciando anche un po’ l’amaro in bocca a chi si era dato da fare per cercare di aiutarli. Del resto, sono persone libere di fare le loro scelte. Sta di fatto che questa situazione ha sollevato le perplessità della minoranza “Noi a Coggiola”.

L’opposizione chiede spiegazioni

La capogruppo Laura Speranza in un’interrogazione ha chiesto di conoscere la nuova destinazione della famiglia, ma anche quali atti il responsabile del servizio abbia adottato a livello di controllo sull’andamento del progetto e quali azioni abbia messo in essere a seguito dell’allontanamento della famiglia. Inoltre Speranza fa notare che «la famiglia risulta avere acquisito la residenza nel Comune e sia titolare di carta di identità».

Una famiglia molto riservata

«Era una coppia molto riservata che comunque si era integrata nella nostra comunità – spiega il sindaco Gianluca Foglia Barbisin -. Un giorno anche noi ci siamo accorti di non vederli più, siamo saliti in casa e non c’erano. Hanno preso le loro cose e se ne sono andati. Un po’ dispiace anche per il piccolo che era nato da pochi mesi ed era una mascotte per il Comune, l’augurio è che abbiano scelto una strada migliore per la propria vita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente