Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > «Sulla diga la Regione fa il gioco delle tre carte»
Attualità Borgosesia e dintorni -

«Sulla diga la Regione fa il gioco delle tre carte»

I vertici del Consorzio Baraggia non cambiano grazie alla Regione e il Movimento 5 Stelle protesta

I vertici del Consorzio Baraggia non cambiano grazie alla Regione e il Movimento 5 Stelle protesta. «Con un apposito cavillo inserito nel testo collegato alla legge finanziaria, la Regione Piemonte consente ulteriori mandati agli attuali amministratori ai vertici dei Consorzi irrigui del Piemonte, e quindi anche a quelli del Consorzio Baraggia. Il Movimento 5 Stelle, attraverso un emendamento, aveva chiesto di rimuovere la possibilità per i presidenti dei consorzi di effettuare più di due mandati. Emendamento respinto dalla maggioranza del Pd, la stessa che fino a pochi mesi fa approvava a larga maggioranza due ordini del giorno (Pd e M5S) contro la realizzazione della diga in Val Sessera», scrivono i consiglieri regionali Paolo Andrissi e Mauro Campo. «In questo modo invece, come confermato in maniera informale da alcuni componenti della Giunta, si intende concedere un ulteriore mandato anche agli attuali vertici del Consorzio Baraggia – riprendono -. Gli stessi vertici che avevano sostenuto il progetto della diga e che ora sono impegnati a recuperare ingenti fondi pubblici da Cipe per realizzare quest’opera folle. Solo il Movimento 5 Stelle ha mantenuto una posizione coerente. Dal Pd invece le sorite giravolte. A parole in difesa dell’ambiente, nei fatti invece sostengono chi lo vorrebbe deturpare». E concludono il proprio intervento: «L’invaso, oltre a presentare un costo eccessivamente elevato interamente a carico delle finanze pubbliche, è del tutto inutile. Una diga già esiste e svolge egregiamente il proprio compito di riserva idrica ai fini irrigui ed idropotabili. Il bacino, invece di essere sostituito da uno 10 volte più grosso, andrebbe semplicemente attentamente mantenuto».

Articolo precedente
Articolo precedente