Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Svincolo “dei carrozzieri” a Trivero Polto: servono modifiche
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Svincolo “dei carrozzieri” a Trivero Polto: servono modifiche

L'appello del consigliere comunale Piero Casula dopo diversi incidenti

svincolo dei carrozzieri

Svincolo dei carrozzieri: ancora un incidente tra Ponzone e Crocemosso.

Svincolo dei carrozzieri l’appello

Risale a pochi giorni fa l’ennesimo incidente sulla strada provinciale che da Ponzone porta a Crocemosso. Non a caso, la zona è nota come “incrocio dei carrozzieri” per i numerosi sinistri che si sono verificati negli ultimi anni. E il consigliere comunale Piero Casula lancia un appello: «Visto che in tutti questi anni nessuno ha pensato di risolvere il problema rivolgo un appello al nuovo presidente della Provincia di Biella, sperando che intervenga là dove hanno fallito vice presidenti e consiglieri provinciali triveresi. Mi riferisco all’incrocio ormai conosciuto come quello “dei carrozzieri”».

Una rotonda

Il motivo è semplice: «E’ una genialata che è utile solo ai meccanici. Purtroppo non lavorano solo le carrozzerie, ma anche le ambulanze». Negli ultimi anni diversi gli incidenti che si sono verificati coinvolgendo le auto che transitano sulla strada principale e quelle che invece cercano di immettersi provenendo da frazione Fila. «La causa principale – osserva Casula – è la velocità elevata. D’inverno poi ci si mette anche la nebbia e il ghiaccio. Se facciamo un concorso di idee su come risolvere il problema coinvolgendo i bambini del nido avremo la risposta facile: mettete una rotonda. Le auto che sopraggiungono, con la presenza di una rotatoria, sarebbero obbligate a fermarsi. Eviteremo questi gravi incidenti».

Il neopresidente

L’invito al neopresidente è di prendersi a cuore della questione: «Dobbiamo aspettare la brutta notizia prima di intervenire? Hanno fallito tutti da consiglieri provinciali triveresi in poi. Al presidente Gianluca Foglia Barbisin racconteranno che non ci sono gli spazi. Ma basta che si rechi a Crevacuore dove hanno creato una rotonda. Oppure vada a Pettinengo, c’è una rotonda in discesa…»

Nella fotografia, un incidente avvenuto nel 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente