Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Tiziana Valzer e “Gnaro” portano in cielo la bandiera della Valsesia
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Tiziana Valzer e “Gnaro” portano in cielo la bandiera della Valsesia

Impresa a 6200 metri sull’Everest. La maestra di sci di Alagna ha centrato il suo obiettivo grazie all’esperta guida

Tiziana Valzer e “Gnaro” portano in cielo la bandiera della Valsesia. Emozioni ad alta quota per i due alpinisti.

Tiziana Valzer e “Gnaro” sull’Everest

Tiziana Valzer ha potuto realizzare il proprio sogno che coltivava sin da quando era una ragazzina e seguiva le imprese dei grandi scalatori: «Da quando ero piccola sognavo di salire su una vetta Himalayana. Gnaro (Silvio “Gnaro” Mondinelli) mi conosce da quando avevo un anno». E dopo aver espresso il proprio sogno ecco che finalmente la spedizione è stata organizzata, per di più Tiziana Valzer ha potuto avere a disposizione un esperto degli 8000 ad accompagnarla. «Prima di partire Roberto Veggi, sindaco di Alagna Valsesia, mi ha consegnato le bandiere, quella Valsesiana e quella Walser da far sventolare se fossimo riusciti nell’impresa», racconta.

La spedizione

Tiziana Valzer e Silvio Mondinelli sono partiti da Milano il 13 aprile, per dieci giorni sono stati impegnati nelle operazioni i di riavvicinamento e acclimatamento nella valle del Khumbu (Everest sud).
«La notte del 24 aprile alle 2 – racconta Valzer – siamo partiti per Island Peak (6200m). Il tempo era perfetto, abbastanza freddo ma senza vento. La salita è stata impegnativa ma regolare, soprattutto gli ultimi 100 metri». E’ stata una vera impresa che ha lasciato enormi emozioni: «In vetta con tanta gioia e soddisfazione abbiamo sventolato le nostre bandiere». Insomma il sogno si realizzava: «Posso solo dire una cosa – riprende -. Non rinunciare mai ad un sogno. Grazie Gnaro per la bellissima e indimenticabile esperienza».

Il ringraziamento di Alagna

E il sindaco Roberto Veggi celebra questo successo: «Vedere le nostre bandiere sventolare così in alto è motivo di orgoglio, ancora complimenti a tutti per l’impresa centrata».

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente