Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Una ragazza di Arborio ha creato il ”suo” centro estivo
Attualità Borgosesia e dintorni -

Una ragazza di Arborio ha creato il ”suo” centro estivo

Marcella Recupero ha predisposto una serie di attività per i bambini del paese e donato all’oratorio tutto il denaro raccolto per le iscrizioni 

Si diploma e invece di andare in vacanza si dedica ai bimbi del paese. Si tratta di una giovane di Arborio, Marcella Recupero, che dopo aver concluso gli studi superiori ha deciso nell’arco di pochi giorni di imbastire una serie di attività estive per tutti i bimbi del paese. E alla fine ha donato all’oratorio il denaro raccolto dalle famiglie. La storia di Marcella è originale e va contro corrente rispetto a quanto si sente ultimamente in merito ai giovani.

«Ho terminato la maturità e ho deciso di fare qualcosa per i bimbi del mio paese – spiega -. Nell’arco di poco ho proposto giochi e attività che hanno coinvolto in totale 26 bambini, dai 4 ai 12 anni: è stato impegnativo, ma mi sono divertita molto e spero che anche le famiglie e i più piccoli abbiano apprezzato». Le iniziative sono durate circa un mese. «Nelle scorse settimane aiutavo i bimbi a fare i compiti e poi giocavamo, anche con l’acqua, in particolare nelle ore più calde della giornata – prosegue la giovane -. Abbiamo poi organizzato uno spettacolino aperto alle famiglie durante il quale i bimbi hanno proposto balletti. Era da tanto tempo che non veniva proposto un progetto di questo genere e credo che il successo sia stato grande».

Recupero ha fatto un gesto importante. «Ho pensato di donare all’oratorio tutto il denaro raccolto per le iscrizioni – sottolinea la ragazza -: vorrei ringraziare tutti coloro che hanno partecipato, le famiglie, don Andrea Matta per i locali parrocchiali messi a disposizione, Beppe Bertone per la cura dell’ambiente». Ora la ragazza pensa al futuro: «Farò giurisprudenza con la specializzazione in diritto aeronautico, ma se gli studi me lo consentiranno cercherò di riproporre le attività estive anche l’anno prossimo».

Articolo precedente
Articolo precedente