Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Valduggia circolo in gabbia: partiti i lavori
Attualità Borgosesia e dintorni -

Valduggia circolo in gabbia: partiti i lavori

Saranno rimessi a nuovo il tetto e la parte esterna.

valduggia circolo

Valduggia circolo sotto i ponteggi per rifare il tetto e la parete esterna.

Valduggia circolo “sotto i ferri”

Il circolo “imprigionato” dai ponteggi. Sono state posizionate le strutture necessarie per i lavori sul tetto e sulla parete esterna dell’edificio che ospita il circolo di Valduggia. Sono così iniziati gli interventi destinati a migliorare l’aspetto estetico, e non soltanto, dello stabile di via Roma. Il primo compito è stata la rimozione della copertura del tetto che in alcuni punti presentava ancora alcune lastre di eternit. Si procederà quindi con la posa di una nuova copertura. «L’eliminazione dell’eternit è il primo intervento che è stato effettuato – spiega il sindaco Pier Luigi Prino -, era un lavoro necessario e non più rinviabile. Successivamente, su tutta l’area del tetto, saranno posate lastre in lamiera che contribuiranno ad evitare la dispersione del calore all’interno del circolo».

All’esterno

Concluso il primo intervento, il cantiere si sposterà sulle pareti esterne: «L’edificio necessita di una nuova estetica, partendo proprio dal rivestimento e dal colore delle pareti esterne – prosegue il primo cittadino -. Inizialmente si dovrà procedere alla rasatura di tutte le pareti, in modo tale da renderle lisce e omogenee, senza alcun difetto. Successivamente si procederà alla pittura di tutta la struttura. Saranno adottate le stesse tonalità degli edifici limitrofi, in modo tale da avere per tutta la zona un solo colore, o che comunque si avvicini, per poter garantire un aspetto gradevole alla via. Considerando che si trova al centro del paese, e che è frequentato da numerose persone, è giusto che l’edificio non solo sia più sicuro ma che abbia anche un aspetto estetico migliore».
I lavori non incidono nelle casse comunali: i costi sono infatti coperti da un finanziamento statale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente