Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Vecchie contrade Varallo aperti due nuovi atelier | LE FOTO
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Vecchie contrade Varallo aperti due nuovi atelier | LE FOTO

Non è mancata la visita da parte del sindaco Eraldo Botta, accompagnato dal vice sindaco Pietro Bondetti che si sono detti molto contenti dell’iniziativa che valorizza le capacità artistiche e creative dei varallesi.

Vecchie contrade Varallo aperti due nuovi atelier. La serata è stata allietata dalla band varallese “Sonny and the Stork”.

Vecchie contrade Varallo aperti due nuovi atelier

Nella sera di sabato 23 marzo in tantissimi hanno preso parte all’inaugurazione dei due spazi espositivi e laboratori voluti dai giovani artisti Mattia Ronco e Tommaso Verdesca all’interno delle antiche contrade cittadine, in via Giovanni Albertoni. Si tratta di due delle vecchie botteghe che un tempo sono state punto di riferimento per i cittadini di Varallo e risistemate da parte dell’associazione di commercianti “Vecchie Contrade” in collaborazione con il Comune. «Ci auguriamo – dicono i due ragazzi – di continuare a suscitare lo stesso interesse da parte del pubblico con i prossimi eventi e di arrivare ad ampliare le collaborazioni tra creativi valsesiani e non».

Guarda le foto.

Le esposizioni

Per l’esordio Ronco ha scelto di ospitare alcuni dei lavori realizzati dal gruppo degli “Artisti di Strada” del quale è membro. Oltre alle sue opere vi erano i disegni di Francesca Comoli, gli acquarelli e il fumetto di Yuri Cagnardi, i vetri artistici di Maria Scarognina e una tela di Jacopo De Dominici. Tommaso Verdesca invece, all’interno del suo spazio espositivo intitolato “Borderline”, ha voluto rendere omaggio al padre, Daniele Verdesca, con una mostra dedicata ai lavori più significativi della sua carriera artistica. Nel corso della serata l’artista ha spiegato ai visitatori le opere esposte e le idee che stanno alla base delle sue creazioni artistiche. Un’occasione veramente speciale e unica per dialogare attivamente con gli artisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente