Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > VIDEO: Ugo Venara premiato per la ”Fedeltà alla montagna”
Attualità Borgosesia e dintorni -

VIDEO: Ugo Venara premiato per la ”Fedeltà alla montagna”

Agricoltore di Guardabosone, il riconoscimento è stato istituito dalla sezione Ana Valsesiana

E’ stato assegnato a Ugo Venara il premio “Fedeltà alla montagna” 2016. Venara, agricoltore di Guardabosone, da una vita si dedica al territorio assieme alla famiglia. Il premio è stato istituito dalla sezione Valsesiana degli alpini e ogni anno viene assegnato a una persona che, con il suo lavoro e la sua passione, contribuisce e rendere vivo e tutelato il territorio montano.

La manifestazione si è tenuta tra Postua e Guardabosone. Lui, il protagonista, è persona schiva e di poche parole, e durante la cerimonia di consegna ha voluto dire un semplice “grazie” a tutti per il premio e per la festa che gli è stata attribuita. La messa è stata celebrata dal parroco monsignor Alberto Albertazzi con il parroco di Fobello, sacerdote che lo scorso anno aveva ricevuto il premio Fedeltà alla montagna e questa volta ha passato il testimone.

Parole di riconoscenza sono venute da Claudio Zaninetti, sindaco di Guardabosone e da Maria Cristina Patrosso, sindaco di Postua. Entrambi hanno rimarcato l’importanza dell’opera di Venara a favore della montagna. «Abbiamo voluto attribuire il premio – ha detto Vanni Buratto della commissione montagna della Valsesiana – a chi ha contribuito a tenere viva la nostra “casa”. Per questo abbiamo scelto Venara che, con sua moglie Enrica, si impegnato affinché questo avvenga».

Anche il presidente della sezione Ana Valsesiana, Gilberto Fava Camillo, ha fatto il suo intervento rivolgendosi direttamente ai Venara: «Avete sempre dimostrato un cuore grande e anche la vostra ospitalità a Pian Misura lo è stata. Chi è stato su da te ha potuto sentirsi come a casa. Quel che diamo a Ugo oggi è poco rispetto a quello che lui fa per il territorio con il suo impegno quotidiano. Questo premio, dopo 25 anni, è tornato in Valsessera e siamo onorati di questo».

Articolo precedente
Articolo precedente