Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Vigili Borgosesia premiati per 35 anni di impegno
Attualità Borgosesia e dintorni -

Vigili Borgosesia premiati per 35 anni di impegno

Il riconoscimento a Siro Erbetta e Umberto Daglia

Vigili Borgosesia premiati per i 35 anni di anzianità di servizio. Il riconoscimento a Siro Erbetta e Umberto Daglia

Vigili Borgosesia premiati

Riconoscimento, nell’ambito della festa regionale della polizia locale, per il comandante dei vigili urbani di Borgosesia Siro Erbetta e l’operatore Umberto Daglia, premiati per i 35 anni di anzianità di servizio. Daglia è entrato in servizio come operatore di polizia locale nel 1982 a Borgosesia, dove continua la propria attività. Mentre il comandante Siro Erbetta è arrivato nel centro valsesiano nel 2009. Aveva iniziato la sua carriera nel 1982 a Serravalle Sesia con il primo incarico come vigile urbano, poi nel 1992 è passato a coordinatore della polizia locale di Serravalle Sesia con concorso interno, quindi l’esperienza nel 2002 con la comunità collinare come comandante del settore operativo. Dal 2009 invece è a Borgosesia in qualità di comandante commissario capo.

Per Erbetta non sono mancati gli impegni extra

Racconta Erbetta: «Nel 1994 sono stato un mese in servizio ad Alessandria per l’alluvione, dove, insieme ai colleghi, ho ricevuto un riconoscimento con diploma e medaglia dalla Protezione civile». Nel 2000 poi è stato per venti giorni a Trino per il servizio anti-sciacallaggio, sempre in seguito all’alluvione. Inoltre c’è l’impegno nel sociale. «Nel 1999 sono stato in Albania con la missione Arcobaleno, dal 2005 faccio parte dell’associazione “Un villaggio per amico”, ma già prima andavo in Kenya dalle suore con gli alpini».

Coinvolto in una sparatoria

Proprio durante una di queste missioni Erbetta è rimasto coinvolto in una sparatoria. Era il dicembre 2011: i volontari dell’associazione “Un villaggio per amico” Erbetta, Lorena Musati e Pierino Occelli erano nel dispensario di Kambi Yaa Juu, della missione di Isiolo in Kenya, quando intorno alle 18 un gruppo di etnia somala iniziò ad aprire la “caccia” contro i turkana ospitati nei locali della parrocchia situati vicino al dispensario retto da padre Barnaba Munene. «Quella è una esperienza che non dimenticherò mai… – commenta Erbetta -. Sentivamo i proiettili passare sopra la testa e mi sono visto puntare un fucile addosso». E dal 2012 Erbetta fa parte a Lourdes dell’associazione “Ospitalitè”, nella quale ha il ruolo di responsabile di servizio della stazione.

nella foto Erbetta e Daglia insieme ad alcuni colleghi del comando di Borgosesia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente