Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > ViviAmo Varallo: servono più parcheggi in città
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

ViviAmo Varallo: servono più parcheggi in città

La situazione parcheggi diventa sempre più delicata.

ViviAmo Varallo: servono più parcheggi in città. Questa la proposta del gruppo rappresentato in consiglio comunale da Luca Cravanzola, Elisa Astori e Claudio Francione.

ViviAmo Varallo: servono più parcheggi in città

«Da qualche settimana notiamo che la situazione delle strade, magari non solo quelle centrali, e dei posteggi si è notevolmente complicata. – commentano i rappresentanti ViviAmo -. E’ inutile girarci tanto intorno, la strada senza macchine è molto bella e valorizza il centro storico del paese, e ci piace, ma se servono maggiori posteggi per residenti e per garantire i servizi ai commercianti bisogna trovare delle soluzioni».

Le soluzioni proposte

«Una delle tante potrebbe essere introdurre qualche posteggio a spina di pesce in più, invadendo un poco le piccole piazze ma accrescendo il numero dei posteggi, soprattutto nei punti critici. Solo allora potremo chiedere maggiore rigore ai nostri automobilisti e riuscire a gestire quella che ora si presenta come una situazione in crescente caos. Serve ripensare questi spazi, introdurre più soste a tempo e meno posteggi a pagamento (riduciamo l’orario a pagamento dalle 9 alle 18?), facilitare l’uso serale e notturno dei posteggi in centro e facilitare l’accesso ai posteggi di interscambio esterni al centro storico (via fiume, la consolata, il piazzale di palazzo D’Adda alle pro loco, sono spazi ancora poco utilizzati, aumentiamo gli arredi urbani, illuminiamoli come si dovrebbe, e cerchiamo di incentivarne l’utilizzo). Cambiare si può ma serve un po’ di coraggio. Lasciare tutto com’è perché nulla cambi può sembrare sensato oggi ma sarà controproducente per il futuro. Speriamo che l’amministrazione si attivi sia per tutelare gli automobilisti che per garantire il decoro di Varallo». Qualche anno fa lo stesso argomento “parcheggi” era diventato  tema di “scontro diretto” tra i cittadini stessi su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente