Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Antonietta Ciliberti morta a 52 anni: il ricordo di Roasio
Cronaca Gattinara e Vercellese -

Antonietta Ciliberti morta a 52 anni: il ricordo di Roasio

Lavorava al centro medico ed era una figura che in paese tutti apprezzavano

Antonietta Ciliberti lavorava al centro medico ed era una figura che a Roasio in tanti apprezzavano

Antonietta Ciliberti era una persona sorridente

Era una persona sempre sorridente con chi ogni giorno si presentava al centro medico di Roasio. Adesso quella persona è morta. Antonietta Ciliberti, di appena 52 anni, era una figura che a Roasio in tanti apprezzavano. Qualche giorno fa si è svolta la cerimonia buddista nel noccioleto di Roasio a Sant’Eusebio, messo a disposizione da don Mario Coppo.

Segretaria al centro medico

Antonietta Ciliberti a Roasio la conoscevano un po’ tutti. Da anni lavorava come segretaria al centro medico e per gli anziani era un punto di riferimento importante, sempre pronta a dare le giuste informazioni o strappare un sorriso. E’ questo il ricordo che rimane. «Era una persona speciale e di grande umanità come se ne incontrano poche – la ricorda Ubaldo Gianotti -. Era davvero tanto amata dai pazienti del centro medico: era sempre serena e disponibile, un punto di riferimento importante per gli anziani». Nonostante la malattia la donna ha sempre risposto con un sorriso proseguendo il suo impegno all’interno della comunità di Roasio, sempre accompagnata dall’immancabile sorriso che la contraddistingueva.

In tanti alla cerimonia funebre con rito buddista

E qualche giorno fa in tanti hanno voluto prendere parte alla cerimonia funebre che si è svolta con rito buddista, la religione che la donna aveva abbracciato. Il parroco ha dato la disponibilità della splendida area verde del “Noccioleto” proprio accanto alla chiesa di Sant’Eusebio. La zona si è animata in poco tempo di tantissime persone che hanno voluto portare ad Antonietta l’ultimo saluto.

Attiva in Pro loco

Ma Antonietta Ciliberti era attiva anche nel sociale, faceva parte dell’associazione Pro loco di Roasio, nata appena qualche anno fa. «Abbiamo avuto la fortuna di averla come associata – ricorda il presidente Ubaldo Gianotti -. E’ una persona che mancherà di certo a tutti noi. E’ davvero grande il vuoto che ha lasciato dentro ognuno di noi, come testimonia la grande partecipazione alla cerimonia funebre». La donna lascia il compagno Antonio, il figlio Davide, oltre ai genitori, fratelli e tanti amici. Anche sui social non sono mancate frasi di cordoglio e partecipazione al lutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente