Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Anziana derubata col trucco della fialetta puzzolente
Cronaca Novarese -

Anziana derubata col trucco della fialetta puzzolente

A Prato Sesia due malviventi si sono fatti passare per tecnici dell'acquedotto: ma non sono riusciti a portare via l'oro.

finto tecnico

Anziana derubata del televisore da due finti tecnici dell’acquedotto. Che però non sono riusciti a portare via l’oro grazie all’acume della pensionata.

Anziana derubata da finti tecnici

E’ sparito il televisore, ma poteva andare molto peggio a una pensionata di Prato Sesia che qualche giorno fa è stata presa di mira da due truffatori. «C’è del mercurio nelle tubature, bisogna portare via l’oro». Con questa scusa e indossando divise farlocche, i due malviventi erano riusciti ad entrare nella casa dell’anziana pratese. I due, una volta entrati in casa, hanno iniziato a raccontare che si era verificata la presenza di mercurio, una sostanza tossica, nelle condutture dell’acqua e che quindi avrebbero dovuto analizzare il liquido. Un espediente ormai diventato un classico e che in bassa Valsesia ha già fatto altre vittime. Appena uno dei due uomini ha aperto il rubinetto della cucina è fuoriuscita una puzza molto forte, di uova marce, probabilmente derivata dalla stessa sostanza utilizzata nelle fialette di carnevale, rotta in quel momento dai malviventi.

Il colpo riesce solo in parte

A quel punto il finto addetto ha fatto capire alla donna che l’oro conservato in casa rischiava di rovinasi a causa di questa sostanza: bisognava metterlo al sicuro. Ovviamente consegnandolo a lui. La signora però, avvertendo che qualcosa non quadrava, ha negato la possibilità, dicendo che le chiavi del cassetto dove erano conservati i preziosi le aveva la figlia. Nel frattempo le operazioni per arieggiare la cucina avevano dato modo al complice, che si era spostato in un’altra stanza, di portare via il televisore. La donna si è accorta del furto solo dopo che i due avevano “tolto il disturbo”. Ha chiamato subito la polizia municipale e ha sporto denuncia ai carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente