Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Cane giustiziato con la pistola? «Macché: è stato investito»
Cronaca -

Cane giustiziato con la pistola? «Macché: è stato investito»

Svolta sul caso di Gattinara? Secondo l'Istituto zooprofilattico l'uccisione con arma da fuoco è una bufala.

Cane giustiziato con la pistola? Per l’Istituto zooprofilattico non è vero: l’animale trovato morto a Gattinara è stato investito.

Cane giustiziato, una bufala? «E’ stato travolto da un’auto»

Non è vero che il cane trovato morto con una ferita in testa all’inizio di aprile 2018 è stato colpito da un’arma da fuoco. Lo dice l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Torino. L’animale era stato trovato lungo la strada tra Gattinara e Rovasenda, e il caso aveva suscitato molto scalpore. Tant’è che era anche offerta una taglia per chi avesse fornito elementi utili per trovare il colpevole o i colpevoli. Nulla di vero, secondo le autorità.

cane ucciso

La versione dell’Istituto zooprofilattico e dell’Asl

«I successivi approfondimenti tecnici – si legge su un comunicato dei carabinieri forestali di Vercelli -, effettuati con la collaborazione dell’Asl di Vercelli e dell’Istituto zooprofilatticodi Torino, e confermati dall’esame necroscopico, hanno evidenziato invece che la lesione nella zona frontale in realtà interessava solo gli strati superficiali della cute fino alla scatola cranica. Non era dovuta ad un colpo di pistola ma ad un urto con parti plastiche di autovettura, in quanto è stato rinvenuto un frammento di vetroresina. La morte non è pertanto imputabile a colpi d’arma da fuoco come inizialmente ipotizzato. Bensì, con ogni probabilità, ad un urto con veicolo non identificato, come confermato sia dal frammento di vetroresina, sia dalle lesioni conseguenti al trauma riscontrate in sede di esame necroscopico, con emorragie sottocutanee, fratture costali e lesioni muscolo-scheletriche, emorragia interna per gravi lesioni polmonari, che è poi stata identificata come causa della morte».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente