Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Chiede passaggio a carabinieri: al “no” li aggredisce
Cronaca Fuori zona -

Chiede passaggio a carabinieri: al “no” li aggredisce

Finisce nei guai un 42enne che aveva trascorso la serata in discoteca a Borgo Vercelli

Gattinara carabinieri denunciano 33enne. Aveva assunto stupefacenti

Chiede passaggio a carabinieri dopo una serata in discoteca. I militari rifiutano, lui li aggredisce e finisce denunciato.

Chiede passaggio a carabinieri, poi li aggredisce

Un 42enne di Sesto San Giovanni era stato mollato in discoteca dagli amici a Borgo Vercelli. Uscito dal locale e sentendosi perso, solo e lontano da casa (nonché un bel po’ bevuto), ha chiamato i carabinieri. All’arrivo dei militari l’uomo ha raccontato che aveva avuto un diverbio con gli amici con i quali era arrivato a Borgo Vercelli e trascorso la serata. Alla fine questi lo avevano lasciato solo in discoteca, riprendendo l’auto con la quale erano arrivati e tornandosene a casa senza di lui. L’uomo chiedeva quindi ai militari delle indicazioni per poter tornare a casa, non avendo la possibilità di chiedere un passaggio ad alcuno. I militari fornivano indicazioni e numeri di telefono del servizio taxi ed informazioni sui treni diretti a Milano. E lui ringraziava con cortesia.

Poi si arrabbia, picchia e minaccia di morte

Ma appena dopo, mentre gli stessi militari si apprestavano a risalire sull’auto di servizio, venivano nuovamente raggiunti dal 42enne che, improvvisamente alterato, con tono arrogante ed aggressivo pretendeva di essere accompagnato a casa direttamente da loro con l’auto militare, inveendo e minacciandoli di morte qualora non l’avessero accontentato e colpendoli con calci e pugni, per poi fuggire verso la campagna. Dopo un breve inseguimento l’uomo veniva raggiunto, bloccato e tratto in arresto perché ritenuto responsabile di violenza, minaccia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, quindi condotto in caserma e trattenuto in camera di sicurezza, Se la vedrà con il giudice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente